le notizie che fanno testo, dal 2010

Sgomento in Galles, morto il ct Speed . Owen: "sono sconvolto"

Trovato morto nella sua abitazione a Huntington, Gary Speed lascia in lutto il calcio britannico e mondiale. L'ex calciatore era divenuto ct della nazionale gallese nel 2010, e con il Leeds conquistò un titolo inglese nel 1992. Il vicino di casa Michael Owen: "Ci siamo salutati con la mano solo due giorni fa mentre portavamo i figli a scuola. Sono sconvolto".

E' stato trovato morto Gary Speed, c.t. del Galles da dicembre 2010, lasciando grande sgomento in tutto il calcio britannico. L'annuncio è stato dato dalla Federazione gallese domenica mattina, anche se ancora non sono chiari i motivi dell'accaduto. Le uniche indiscrezioni raccontano come il corpo senza vita di Speed sia stato rinvenuto poco dope le 7 del mattino nella sua abitazione di Alford Road, a Huntington. Tutti i presupposti farebbero pensare, secondo indiscrezioni dei tabloid inglesi, al suicidio ma in ogni caso la polizia gallese starebbe ancora nel pieno delle indagini. Il calciatore inglese Michael Owen, vicino di casa di Speed, ha raccontato sul suo profilo di Twitter: "Non posso crederci, ci siamo salutati con la mano solo due giorni fa mentre portavamo i figli a scuola. Sono sconvolto".
L'ex giocatore del Leeds aveva 42 anni e nei 20 di carriera aveva conquistato un titolo inglese nel 1992 (l'ultimo prima che la competizione diventasse Premier League) proprio con la maglia degli "Whites". Speed ha poi indossato le maglie di Newcastle, Everton (di cui è stato capitano), Bolton e Sheffield United diventando uno dei giocatori con più presenze in campionato. L'8 dicembre 2007 nella partita tra Boston e West Ham, il gallese diventa il primo giocatore a raggiungere quota 500 partite giocate in Premier League (in futuro verrà poi superato da Giggs e James). Conquista 85 presenze con la maglia del Galles (solo 8 in meno del portiere Neville Southall) segnando 7 reti. Ingaggiato dallo Sheffield United nel 2008, Speed decide di ritirarsi due anni dopo, divenendo allenatore proprio della squadra dalle due spade. La sua carriera da allenatore prende spicco solo pochi mesi dopo quando nel dicembre del 2010, viene nominato ct della nazionale gallese. Oltre a Owen, lo sgomento per la tragica notizia è dilagato tra tutte quelle persone che hanno seguito Speed da vicino per gran parte delle sua carriera. Primo fra tutti Robbie Savage che non riesce proprio a spiegarsi il motivo: "Sono devastato - ha scritto su Twitter l'ex centrocampista gallese - Era tranquillo al telefono quando ieri abbiamo riso insieme, parlando di calcio e di musica. Era un grande compagno di squadra e un grande amico".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: