le notizie che fanno testo, dal 2010

Capitani Serie A: niente campionato senza rinnovo contratto collettivo

Anche i calciatori di Serie A hanno il problema del "rinnovo del contratto collettivo", un po' come tutta l'Italia. E così lanciano l'ultimatum: o viene firmato o non parte il campionato. Una protesta che forse bisognerebbe adottare anche in fabbrica.

I calciatori tornano sul piede di guerra, e dopo i tanto annunciati, ma mai realizzati, scioperi ecco che con una lettera tutti i capitani delle squadre di Serie A sottoscrivono un comunicato diffuso dall'Assocalciatori a firma del suo presidente Damiano Tommasi per "portare a conoscenza dell'opinione pubblica la sconcertante situazione attualmente in atto per il rinnovo del contratto collettivo". "Gli accordi conclusi tra la delegazione dell'Assocalciatori e la delegazione della Lega Serie A e certificati dalla FIGC nel mese di Dicembre 2010, sono stati disattesi dall'Assemblea delle Società con una scelta sorprendente ed inaccettabile - si legge nel comunicato - In conseguenza di ciò, permane oggi un inammissibile periodo di deregolamentazione che lede le nostre tutele non di carattere economico e che potrebbe, ai sensi della legge 91/81, mettere in dubbio la validità dei nostri contratti". Interessante notare come anche nel mondo del calcio il problema principale sia quello della precarietà che attanaglia tutto il Paese, soprattutto le nuove generazioni, visto che i calciatori denunciano come "l'Italia è oggi l'unico Paese calcisticamente evoluto nel quale non esistono precise norme contrattuali in vigore per tutti i tesserati". E infatti, sembra che alla base del dibattito ci sia proprio un problema di maggiore "flessibilità", pare richiesta dalla Lega di Serie A in merito alla posizione dei "fuori rosa". I calciatori non sembrano però disposti a continuare a trattare, e lanciano il loro ultimatum: "Riteniamo, quindi, che senza la firma dell'Accordo Collettivo non sia possibile iniziare un nuovo campionato e, per questo motivo, siamo certi che la Lega Serie A terrà fede agli impegni assunti sottoscrivendo il Contratto già siglato dall'Assocalciatori in data 30 maggio 2011".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: