le notizie che fanno testo, dal 2010

Calcio scommesse: match truccati anche in Serie A? Abete: meno omertà

Sembra che l'inchiesta sul giro del calcio scommesse si stia allargando, visto che il medico Marco Pirani, durante il suo primo interrogatorio, avrebbe "fatto riferimento ad altre quattro o cinque partite, anche di serie A", come riporta l'Ansa.

Sembra che l'inchiesta sul giro del calcio scommesse si stia allargando, visto che il medico Marco Pirani, durante il suo primo interrogatorio, avrebbe "fatto riferimento ad altre quattro o cinque partite, anche di serie A, oltre alle 18 contestate nell'ordinanza di custodia cautelare", come riporta l'Ansa. Sarà compito del pm Roberto Di Martino chiedere a Pirani ulteriori spiegazioni in merito a questa ulteriore faccenda, durante il secondo interrogatorio fissato per martedì 7 giugno. Il legale di Marco Pirani spiega comunque che il suo assistito avrebbe fornito "spiegazioni convincenti" riguardo i capi d'imputazione a lui rivolti, spiegando come abbia preso le distanze sia dagli altri indagati sia ridimensionando il suo ruolo al'interno di questa presunta organizzazione che, secondo l'accusa, mirava a truccare le partite di calcio per dei giri di scommesse. Su questo nuovo scandalo che ha travolto il mondo del calcio, e che sembra potrebbe estendersi anche alla Serie A, interviene anche il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, che in un'intervista a RaiSport sottolinea come "bisogna rafforzare la logica della responsabilità e far venir meno l'omertà che è presente nella società italiana, e anche alle volte nel mondo del calcio". Intanto il Codacons, attraverso un comunicato, sta già "studiando la possibilità di intentare una vera e propria class action, alla quale tifosi e scommettitori possono partecipare". Il Codacons chiede inoltre che tutte "le partite di calcio i cui risultati possono essere stati falsati dall'organizzazione scoperta dalla magistratura di Cremona, devono essere tassativamente rigiocate". Per il Presidente del Codacons, Carlo Rienzi, la Lega Calcio dovrebbe quindi "prendere provvedimenti urgenti, annullando i risultati degli incontri alterati e disponendo la ripetizione delle partite". E' naturale però che prima di prendere qualsiasi provvedimento, la giustizia dovrà fare il suo corso. E' infatti ipotizzabile che solo quando la magistratura avrà stabilito le eventuali responsabilità, la Lega Calcio potrà prendere i dovuti provvedimenti.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: