le notizie che fanno testo, dal 2010

Amauri denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale si scusa

Amauri Carvalho de Oliveira, conosciuto solo come Amauri, lo juventino nuovo attaccante della nazionale, è stato denunciato nei giorni scorsi per oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie identità personali.

Amauri Carvalho de Oliveira, conosciuto solo come Amauri, lo juventino nuovo attaccante della nazionale, è stato denunciato nei giorni scorsi per oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie identità personali. L'episodio è avvenuto a Moncalieri, davanti alla pizzeria situata nel centro storico. Amauri e la moglie Cynthia si erano recati al ristorante nella loro Ferrari rossa e, nonostante i divieti di sosta hanno parcheggiato l'automobile proprio davanti l'ingresso del locale.
I carabinieri, notando l'auto (ed era difficile non vederla) gli hanno fatto una multa da 38 euro e hanno chiesto ai proprietari di spostarla. Stando a quanto riporta il verbale dei militari, prima la moglie Cynthia e poi lo stesso Amauri hanno "apostrofato" i tutori dell'ordine ddopo tale richiesta.
"Sono profondamente dispiaciuto di quanto accaduto", ammette poi il giocatore sottolineando di provare "il massimo rispetto" nei riguardi dell'Arma dei Carabinieri.
La Juventus, "dopo essersi confrontata con il suo tesserato Amauri, prende atto delle dichiarazioni del calciatore", rende noto la società che "ribadisce il rispetto e la collaborazione con le istituzioni, cui tutti i propri tesserati si devono adeguare".

© riproduzione riservata | online: | update: 19/08/2010

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Amauri denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale si scusa
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI