le notizie che fanno testo, dal 2010

Bunga Bunga video Barbareschi: Berlusconi mi fa quasi tenerezza

Per Elio l'Italia era la "Terra dei cachi" ma oggi siamo già alla "Repubblica del bunga bunga", come dice Donadi (IdV), tanto che Luca Barbareschi (Fli) lancia la prima hit e afferma: "Non ho rabbia nei confronti di Berlusconi, mi fa quasi tenerezza".

Al Festival di Sanremo di qualche anno fa (1996) Elio e le Storie Tese ci avevano avvisato che l'Italia era "la Terra dei cachi", anni luce avanti da chi diceva già che fosse la Repubblica delle banane. Ma Massimo Donadi, dell'Italia dei Valori, a capito che ormai tutto ciò è il passato perché "l'Italia rischia di diventare la Repubblica del bunga bunga".
"Dopo la classifica sulla corruzione che ci vede seguire a ruota il Burkina Faso - spiega Donadi - il bunga bunga dà un'idea d'insieme che descrive molto bene la situazione del nostro Paese".
Il segretario del PD Pier Luigi Bersani, invece, non riesce neanche a nominarlo il bunga bunga, dicendo "basta" a tutte "le questioni che portano al centro le singolari abitudini del Presidente del Consiglio" affermando che sarebbe ora che qualcuno staccasse la spina "perché il Paese ha problemi seri". Ma purtroppo per Bersani il tormentone bunga bunga è solo all'inizio. In rete stanno cominciando ad apparire i primi timidi "sfottò" ma per adesso il più audace interprete del bunga bunga (a parte chi lo pratica) è stato senza dubbio Luca Barbareschi, deputato di Fli, ospite ieri nella trasmissione di Radio2 "Un Giorno da Pecora", condotta da Giorgio Lauro e Claudio Sabelli Fioretti. Luca Barbareschi si è lanciato in un ballo intonando, sulle note del "Tuca Tuca", una improbabile canzone del bunga bunga. Per chi volesse soddisfare la curiosità di vedere Luca Barbareschi lanciato nel bunga bunga questo è il link del sito della trasmissione (http://tinyurl.com/38wsxl9) che ai conduttori ha anche ammesso: "Non ho rabbia nei confronti di Berlusconi, mi fa quasi tenerezza, perché capisco che è un uomo da un anno e mezzo in mano a persone che lo prendono in giro: prima sono stati Gasparri e La Russa, ora la Santanchè". E chissà allora in che mani è l'Italia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: