le notizie che fanno testo, dal 2010

Napoli, 14enne seviziato con aria compressa: famiglia rischia lo sfratto

Nell'ottobre scorso un ragazzo di 14 anni era stato seviziato a Napoli in un autolavaggio di Pianura con una pompa ad aria compressa. Se non interverranno le istituzioni, però, la famiglia del ragazzo dovrà affrontare questa tragedia anche senza una casa. Il 12 marzo, infatti, la famiglia del 14nne rischia uno sfratto.

Nell'ottobre scorso un ragazzo di 14 anni era stato seviziato a Napoli in un autolavaggio di Pianura con una pompa ad aria compressa. Il giovane era stato ricoverato in condizioni gravissime ed ha subito un difficilissimo intervento chirurgico mentre "a maggio dovrà sottoporsi ad un altro delicatissimo intervento di ricostruzione dell'intestino" come racconta la madre. Se non interverranno le istituzioni, però, la famiglia del ragazzo vittima di bullismo dovrà affrontare questa tragedia anche senza una casa. Il 12 marzo "saremo sfrattati - riferisce Stefania, la madre del ragazzo - e non sappiamo dove andare". Per cercare di attirare l'attenzione sul caso, i genitori del 14enne hanno questa mattina occupato la presidenza della IX Municipalità di Napoli per chiedere di essere aiutati. Si è attivato subito il presidente della municipalità Maurizio Lezzi che ha quindi scritto un nota all'assessore Roberta Gaeta nella quale si legge: "Questa Municipalità stigmatizza il comportamento circa la mancata attenzione dell'assessore alle politiche sociali sulla grave problematica della famiglia (..), relativamente allo sfratto esecutivo del 12 marzo prossimo". Intanto, i giudici che si erano riuniti a fine gennaio per la prima udienza contro gli aguzzini del ragazzo hanno stabilito che il processo dovrà essere assegnato a un altro collegio del Tribunale, "specializzato" in reati a sfondo sessuale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# bullismo# famiglia# Gaeta# genitori# giudici# intestino# Napoli