le notizie che fanno testo, dal 2010

Pugilato, Pacquiao vince e difende WBO. Marquez: "sono stato derubato"

Ancora contestazioni dopo il terzo match disputato tra Manny Pacquiao e Juan Manuel Marquez. La vittoria ai punti del filippino non è condivisa dal messicano che si dice "derubato" così come accadde nel 2008 quando perse solo per un punto.

Di nuovo una vittoria ai punti, di nuovo contestazioni. Il filippino Manny Pacquiao ha difeso con successo il titolo WBO dopo il verdetto favorevole dei giudici che hanno condannato alla seconda sconfitta per il messicano Juan Manuel Marquez. Sui tre match disputati dai due pugili, infatti, c'è il pareggio datato maggio 2004 ma, soprattutto, la controversa vittoria di Pacquaio nel marzo 2008 che conquista il titolo WBC con appena un punto di vantaggio sul messicano. E come allora, anche il verdetto dell'ultimo incontro disputato alla MGM Arena di Las Vegas è stato criticato dai tifosi di Marquez e dallo stesso pugile che non si trova d'accordo con il giudizio di Dave Moretti e Glenn Trowbridge. I due giudici hanno infatti dichiarato vincente ai punti il filippino (115-113 per Moretti e 116-112 per Trowbridge) a differenza del terzo che ha visto la parità assegnano 114 punti a testa. Il 38enne messicano si dice "frustrato" e si lamenta di aver dovuto combattere, oltre che contro un "avversario molto forte", anche contro i giudici ammettendo senza mezzi termini di "esser stato derubato". Dall'altra parte il campione Pacquiao si dice pronto per una nuova possibile sfida con Marquez anche se non nega il suo interessamento alla politica che potrebbe fargli dire addio alla sua lunga carriera pugilistica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# giudici# tifosi