le notizie che fanno testo, dal 2010

Mondiali Piuma Ibf, "Billy the Kid" stende Servidei in 150 secondi

Finisce dopo 150 secondi del primo round il sogno mondiale di Alberto Servidei. A Sydney il pugile romagnolo cade sotto i colpi dell'australiano Billy Dib che si conferma campione mondiale Ibf dei pesi piuma. Servidei non perdeva da 36 incontri ma in occasione del match è apparso subito teso in volto, a conferma dell'importanza dell'incontro.

Sono bastati 150 secondi a Billy Dib per far sparire il sogno del titolo Ibf dei pesi piuma dagli occhi di Alberto Servidei. Il pugile romagnolo, imbattuto da 36 incontri, è stato sconfitto per ko all'Homebush Sports Centre di Sydney in Australia e vede così finire il suo desiderio Mondiale. La tensione che si disegna sul volto di Servidei è pane per i denti per "Billy the Kid" che, dopo circa 30 secondi utilizzati a studiare l'avversario, comincia a boxare senza pietà. Il 36enne di Massa Lombarda commette l'errore di farsi mettere alle corde, così Dib riesce a "scaricare" facilmente i pugni sul suo corpo. Dopo una "raffica" di colpi Servidei cade a tappeto per poi rialzarsi con fatica. Ecco però che Dib capisce che il ravennate non può più reagire, e lo attacca con una serie di colpi "sotto", con l'ultimo sinistro che termina la sua corsa sul fegato. Servidei è steso e non è più in grado di rialzarsi, così l'australiano esulta e difende nel migliore dei modi il titolo mondiale dei pesi piuma Ibf.

© riproduzione riservata | online: | update: 21/11/2011

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
Australia denti Massa Lombarda pane
social foto
Mondiali Piuma Ibf, "Billy the Kid" stende Servidei in 150 secondi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI