le notizie che fanno testo, dal 2010

Botulino: Raffaele Guariniello indaga sui pericoli in chirurgia estetica

Presso la Procura di Torino è stato presentato un esposto da parte di un dermatologo di Milano che denuncia il fatto che i pericoli del botulino in chirurgia estetica non sarebbero abbastanza conosciuti e soprattutto segnalati ai pazienti che si apprestano a farsi iniettare la tossina botulinica.

Presso la Procura di Torino è stato presentato un esposto da parte di un dermatologo di Milano che denuncia il fatto che le reazioni anche "gravi" alla tossina botulinica non sarebbero abbastanza conosciute e soprattutto segnalate ai pazienti che si apprestano a farsi iniettare la tossina botulinica. Ad indagare sui pericoli del botulino, non quello che potrebbe presentarsi nelle conserve mal fatte ma quello che viene iniettato in chirurgia estetica per i lifting, sarà Raffaele Guariniello che avrebbe già chiesto le prime informazioni al Ministero della Salute e all'Aifa (Agenzia italiana del farmaco). I due enti avrebbero indicato 97 casi di reazioni avverse negli ultimi anni, e tra gli effetti collaterali del botulino figurerebbe la diplopia, la distalgia, l'edema, la perdita di coscienza, difetti nel campo visivo e angioedema. Nell'esposto, il dermatologo avrebbe però riportato ulteriori effetti avversi al botulino, che avrebbe riscontrato nei suoi 30 anni di carriera, quali nausea, mal di testa, eritema, vertigini, spasmi, e anche la paralisi di muscoli in zone distanti da dove sarebbe stata iniettata la tossina botulinica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: