le notizie che fanno testo, dal 2010

Maroni: da settembre body scanner in ogni aeroporto

Roberto Maroni, Ministro dell'Interno, continua nella sua crociata per l'installazione dei body scanner "ovunque": "a settembre li installeremo in tutti gli aeroporti" - afferma - perchè lì c'è gente "concentrata".

Roberto Maroni, Ministro dell'Interno, continua nella sua crociata per l'installazione dei body scanner "ovunque". A margine della presentazione del rappporto sull'immigrazione irregolare negli aeroporti promosso da SEA a Milano Malpensa, Maroni avrebbe detto, come riporta l'AGI, sul proseguimento della sperimentazione dei body scanner fino a settembre che "al termine di questa, li installeremo in tutti gli aeroporti".
I body scanner sembrano essere per il Ministro una priorità essenziale per la sicurezza di aeroporti e ferrovie perché ci potrebbe essere qualche terrorista che approfittando della gente "concentrata" in un unico luogo, potrebbe far saltare una bomba per provocare una strage, che invece sarebbe immediatamente intercettata dal fido body scanner.
Il Ministro però sembra dimenticarsi di molti cittadini italiani che prendono raramente i treni e gli aerei e quindi fa una netta divisione tra cittadini aero-ferro trasportati e cittadini che usano altri mezzi di trasporto con le stesse caratteristiche di "concentramento".
I body scanner servono anche e soprattutto nelle metropolitane, nelle stazioni degli autobus, all'ingresso degli Uffizi e di tutti i musei italiani che fanno milioni di visite l'anno. I body scanner sono essenziali per la sicurezza degli italiani anche negli enormi condomini e nelle sedi istituzionali. Le telecamere di cui l'Italia detiene vari primati, le intercettazioni dei cellulari, le impronte digitali sui passaporti, la profilazione di ogni navigazione internet non possono bastare per questi cittadini che per Maroni sono forse di serie B.
I soliti detrattori dei body scanner pensano che sia una tecnologia invasiva e portatrice di gravi patologie. Uno di questi è sicuramente David Brenner della Columbia University che dichiara che i body scanner negli aeroporti possono "dare il cancro".
Roberto Maroni invece dichiara, come riporta Virgilio.it, che "la polemica sulla salute è senza fondamento, il rischio è zero".
Gli italiani, anche quelli ingiustamente ignorati da Maroni, non vedono l'ora di fare avanti e indietro nei body scanner. In questo modo acquisteranno sicurezza. In se stessi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: