le notizie che fanno testo, dal 2010

Paolo Barnard, blog ancora chiuso: dove leggere i suoi articoli

Il blog di Paolo Barnard continua ad essere irraggiungibile a causa di un "DNS Error". Paolo Barnard sembra aver "perso" tutto il suo archivio. Ma il web non dimentica ed è ancora possibile "navigare" il blog di Paolo Barnard attraverso le copie cache.

Il blog di Paolo Barnard continua ad essere irraggiungibile a causa di un "DNS Error". Nicolas Micheletti, che in passato si è occupato della pagina Facebook del giornalista, il 30 luglio aveva assicurato che "il domain di paolobarnard.info è stato ripristinato" e che sarebbe riapparso lo scorso weekend. Ma ciò non è successo e nonostante l'apprensione di molti utenti desiderosi di sapere quando potranno rileggere gli articoli di Paolo Barnard per il momento nessuno sembra aver fornito altra spiegazione alla strana vicenda. Nel primo comunicato, poi modificato, Paolo Barnard spiegava che "uno dei due Nameserver risulta alterato" e che "rimane il problema del name paolobarnard.info che forse è irrecuperabile". Fatto sta che, a quanto pare, Barnard avrebbe perso tutto il suo archivio. Ma sul web ormai è tanto difficile trovare quel che si cerca quanto far perdere le proprie tracce. Molti degli articoli scritti da Paolo Barnard sul suo blog, quindi, sono recuperabili grazie alle copie cache. In primis, è possibile trovare (e almeno questa volta backuppare) gli articoli di Barnard con Google Cached Page. Google infatti esegue periodicamente la scansione del web e prende istantanee di ogni pagina come backup (appunto) nel caso in cui la pagina corrente non diventi più disponibile. Per usare Google Cached Page, però, è necessario conoscere anche la Url esatta dell'articolo che si vuole cercare. Diventa quindi molto più semplice utilizzare il servizio che offre Internet Archive Waybackmachine. Questo sito, infatti, ha fotografato negli anni (dal 2009) il blog di Paolo Barnard che diventa quindi ancora "navigabile" attraverso le copie cache.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# blog# Facebook# giornalista# Google# Paolo Barnard# web