le notizie che fanno testo, dal 2010

Codacons: caro viaggio tra Natale e Capodanno, stangata su benzina e Gpl

Il Condacons denuncia i "forti rincari" di benzina e gpl che si sono registrati a cavallo di Natale e che probabilmente proseguiranno fino a Capodanno. Carlo Rienzi invita quindi il governo ad "introdurre un provvedimento che blocchi automaticamente qualsiasi incremento dei listini dei carburanti in occasione delle partenze dei cittadini per le vacanze".

Il Codacons, nonostante le festività, continua incessante il suo lavoro di monitoraggio in difesa dei consumatori. Ecco quindi che subito dopo Natale denuncia quella che l'associazione definisce una vera e propria "stangata di fine anno per gli automobilisti italiani in movimento lungo strade e autostrade e per quelli che si metteranno in viaggio nei prossimi giorni per le vacanze di Capodanno". Il Codacons, infatti, sottolinea come in questi giorni di festa si siano registrati "forti rincari" tra benzina e gasolio "raggiungendo una media di 1,796 euro ali litro la verde (e punte di 1,830 euro/litro) e 1,726 euro al litro il diesel". "Ma il vero allarme - prosegue il Codacons - proviene dal Gpl, che ha sfondato quota 0,900 euro/litro, facendo segnare un aumento del 15% rispetto al mese di novembre e una maggiore spesa per un pieno di 35 litri superiore ai 4 euro". Il presidente dell'associazione Carlo Rienzi invita quindi il governo "nei suoi decreti di fine anno" ad "introdurre un provvedimento che blocchi automaticamente qualsiasi incremento dei listini dei carburanti in occasione delle partenze dei cittadini per le vacanze estive, pasquali e natalizie".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: