le notizie che fanno testo, dal 2010

Rio 2016, beach volley: Viktoria Orsi Toth positiva al doping. Fipav: colpa pomata

Viktoria Orsi Toth, azzurra di beach volley in coppia con Marta Menegatti, è stata infatti trovata positiva ai controlli antidoping e dovrà rinunciare alle Olimpiadi di Rio 2016. Viktoria Orsi Toth è stata trovata positiva alla sostanza anabolizzante Clostebol Metabolita ma la Fipav spiega: "Si tratta di una pomata presa senza sentire i medici federali".

Arriva un'altra squalifica per doping per l'Italia. Viktoria Orsi Toth, azzurra di beach volley in coppia con Marta Menegatti, è stata infatti trovata positiva ai controlli antidoping e dovrà rinunciare alle Olimpiadi di Rio 2016. Nella mattinata si erano rincorse voci di un possibile caso di doping nella nazionale di pallavolo femminile di Marco Bonitta, ma nel pomeriggio è stato chiaro che l'azzurra squalificata era sì una tesserata Fipav ma non dell'indoor.

Come riferisce il CONI, Viktoria Orsi Toth è stata trovata positiva alla sostanza anabolizzante Clostebol Metabolita, a seguito di un controllo fuori competizione disposto da Nado Italia, a Roma, il 19 luglio 2016. La Prima Sezione del TNA comunica quindi che ha provveduto a sospendere l'atleta in via cautelare, in accoglimento dell'istanza proposta dall'Ufficio Procura Antidoping.

E' probabile che l'Italia non vorrà rinunciare alla qualificazione conquistato alle Olimpiadi nel beach volley femminile. Si ipotizza quindi che la Fipav tenti di inviare a Rio la la statunitense, naturalizzata italiana, Rebecca Perry, la quale ovviamente non ha lo stesso affiatamento di Viktoria Orsi Toth con Marta Menegatti.

"E' stata una leggerezza da parte di una ragazza di 25 anni" afferma Carlo Magri, presidente Fipav, commentando la positività al doping della sua tesserata, assicurando che "si tratta di una pomata presa senza sentire i medici federali".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: