le notizie che fanno testo, dal 2010

Standard Poor's declassa 7 banche italiane. Confermato rating Enel

Standard and Poor's taglia il rating di 7 banche italiane, e cambia in negativo l'outlook di 15 istituti di credito. Rimene invece stabile il rating di Enel.

Dopo aver tagliato il rating sul debito sovrano dell'Italia, che passa da A+ ad A, Standard & Poor's comunica anche di aver downgradato il rating a lungo termine di 7 banche italiane (da A+ ad A), cioè Mediobanca, Findomestic, Intesa Sanpaolo e delle sue controllate Banca Imi, Cassa Risparmio Bologna e Biis, mentre rimane invariato quello a breve. S&P taglia inoltre il rating della Bnl, che passa da A+ ad A-1, che vede anche il suo outlook passare a negativo, come quello di altre 14 banche italiane, e ciò "riflette la possibilità di un abbassamento del rating, se le cose resteranno uguali, a seguito di nuovi tagli del rating sull'Italia", come specifica in una nota Standard & Poor's. L'agenzia di rating conferma invece il livello A- per il lungo termine e A-2 per il breve termine di Enel perché pur continuando a considerarla come "un'entità legata all'amministrazione statale", Standard & Poor's reputa "il legame tra il credito sovrano dell'Italia ed Enel come 'limitato' e non 'forte' " poiché, specifica in una nota, si ipotizza che "le pressioni economiche potrebbero indurre Roma a dare una priorità inferiore nel fornire qualsiasi sorta di supporto straordinario a Enel, se fosse necessario".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: