le notizie che fanno testo, dal 2010

MPS: sfottò PDL su Monti Bersani Fassino e La Destra "sigilla" sedi

Mentre il PDL dal suo sito lancia sfottò su MPS, con Monti Bersani e Fassino protagonisti, La Destra passa ai fatti e "chiude simbolicamente" una ventina di sedi del MPS della Capitale.

Lo scandalo MPS pesa sugli ultimi sondaggi politico elettorali più di quanto si possa immaginare. L'equazione per il centro-destra è netta e descritta con un'immagine che campeggia sulla home page del PDL. Nel fotomontaggio che riprende la linea della campagna affissioni del PD si susseguono le facce di Monti, Bersani e Fassino con la scritta "L'Italia giusta...abbiamo una banca...rotta"; segue il logo del Monte dei Paschi di Siena. Ma se il PDL si limita a sfottò e a dichiarazioni più o meno al vetriolo (quello molto diluito della Seconda Repubblica, ovviamente) è La Destra di Francesco Storace ad "agire". Nella notte del 27 gennaio a Roma, infatti, come dichiara in una nota Gianluigi Limido, dirigente nazionale de La Destra e coordinatore giovanile romano "i giovani militanti della Federazione Romana de La Destra coordinati dal Commissario Pierluigi Fioretti hanno chiuso simbolicamente una ventina di sedi del MPS della Capitale apponendovi dei nastri di recinzione con degli striscioni recanti lo slogan BANCA ROSSA, BANCA ROTTA". Spiega Gianluigi Limido: "La nostra iniziativa serve a far focalizzare l'attenzione dei cittadini su questa contorta vicenda nella quale hanno gravi responsabilità politiche sia Bersani che Monti. Il primo è il segretario del partito preferito dalla banca toscana e dovrà fare i conti con la perdita di consenso di molti elettori sconcertati dalla mala gestione operata dal PD senese. Il secondo, tramite il suo governo tecnico, ha finanziato l'istituto in crisi emettendo 4 miliardi di cosiddetti Monti-bond. Un prestito che probabilmente non avrà l'esito sperato considerate le varie sfaccettature della crisi e dello scandalo toscano". Il coordinatore romano di Gioventù Italiana osserva quindi nella nota: "E' inammissibile che non ci sia stata ancora alcuna iniziativa da parte della Magistratura, che il PD cerchi goffamente di negare il proprio coinvolgimento e che non si voglia ammettere che i 4 miliardi di Euro depredati ai cittadini dal Governo Monti con l'odioso balzello dell'IMU siano serviti a colmare i debiti della banca senese. La Destra, che propone la nazionalizzazione della Banca d'Italia e la doppia circolazione monetaria per contrastare la speculazione finanziaria, denuncia con forza questo scellerato sistema di potere legato alla sinistra di Bersani e supportato dal Governo Monti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: