le notizie che fanno testo, dal 2010

Italia poco attraente per investitori stranieri: colpa della burocrazia

Una ricerca curata dall'Ispo per l'Associazione delle banche estere mette in evidenza, in tutta la sua drammaticità, che "solo Russia, Francia e Spagna sono meno attraenti dell'Italia presso gli investitori internazionali". Tutta colpa della burocrazia, sottolinea la CNA.

Mentre Matteo Renzi pensa ad abolire il Senato, una ricerca curata dall'Ispo per l'Associazione delle banche estere mette in evidenza, in tutta la sua drammaticità, che "solo Russia, Francia e Spagna sono meno attraenti dell'Italia presso gli investitori internazionali". In una nota, la CNA (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) fa notare che se in cima alla graduatoria (con 91 punti su 100 nell'indice di attrattività) ci sono gli USA, seguiti nell'ordine da Germania, Cina, Regno Unito, India e Brasile, l'Italia è ferma a 41 punti percentuali, seguita da Russia (36), Francia e Spagna (33). Tra le cause che rendono l'Italia meno attraente agli investimenti "la burocrazia, la bulimia legislativa, i tempi e le incertezze della giustizia, il carico fiscale" mentre "la corruzione non viene ritenuta uno dei freni principali". Inoltre, solo il 32% degli interpellati ritiene che l'Expo 2015 possa migliorare la situazione italiana poiché sono richiesti invece "interventi decisi, in grado di rimuovere gli ostacoli maggiori attraverso un processo di sburocratizzazione e di modernizzazione del sistema Paese".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: