le notizie che fanno testo, dal 2010

Banche, Abi: scrivere su titoli ad alto rischio "nuoce alla salute" come le sigarette

Il presidente dell'Abi Antonio Patuelli chiede alle istituzioni europee oppure al governo italiano di imporre che a tutti gli emittenti e i venditori di titoli definiti ad elevato rischio "di apporre nella prima pagina di questi moduli con gli stessi caratteri cubitali delle sigarette: prodotto finanziario ad alto rischio".

Con il decreto salva banche il governo ha azzerato le obbligazioni subordinate consentendo la sopravvivenza di quattro istituti di credito in crisi quali Banca delle Marche, Cassa di Risparmio di Ferrara, Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti e Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio. Provvedimento che è arrivato dopo ben "due anni di commissariamento" ricorda a Mix24 su Radio24 Antonio Patuelli, il presidente dell'Associazione delle banche italiane. Le 4 banche salvate, quindi, avevano i bilanci in difficoltà da anni ma forse i correntisti non ne erano sufficientemente a conoscenza. Anche per questo il presidente dell'Abi chiede che sui moduli dei prodotti finanziari ad alto rischio venga impressa una scritta di ammonimento come nei pacchetti di sigarette, poiché possono nuocere gravemente alla salute, sicuramente quella economica. "Io chiedo che le competenti autorità che penso siano europee o per legge di Stato impongano a tutti gli emittenti e i venditori di titoli che venissero definiti dalle medesime autorità ad elevato rischio, di apporre nella prima pagina di questi moduli con gli stessi caratteri cubitali delle sigarette: prodotto finanziario ad alto rischio. E abbiamo finito con gli equivoci" precisa infatti Patuelli. Commentando il suicidio del pensionato di Civitavecchia, che aveva investito i suoi risparmi nelle obbligazioni subordinate di Banca Etruria, il presidente dell'Abi dichiara che "il defunto non ha comprato i bond direttamente dalla banca ma in un mercato secondario".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: