le notizie che fanno testo, dal 2010

Bail-in, Censis: serve una graduatoria di reputazione delle banche

Per tutelare i risparmiatori che custodiscono i loro soldi nelle banche "ci vuole una graduatoria di reputazione in coloro che offrono gestione del risparmio che oggi non esiste" spiega Giuseppe De Rita, presidente del Censis.

Per tutelare i risparmiatori che custodiscono i loro soldi nelle banche "ci vuole, non dico un albo, ma una graduatoria di reputazione in coloro che offrono gestione del risparmio che oggi non esiste" spiega Giuseppe De Rita, presidente del Censis, intervenuto ieri nel corso della trasmissione Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24. Sul bail-in, Giuseppe De Rita quindi ricorda: "Abbiamo tanto urlato su Giuliano Amato quando ci levò dalla tasca in una notte lo 0,25% sui conti correnti, dicendo che era un furto, oggi invece è ancora più preoccupante la cosa. Io non sono uno speculatore se apro un conto corrente in banca. Quindi c'è un problema".
Il presidente del Censis invita quindi "tutti coloro che fanno seriamente gestione del risparmio, per esempio Assogestioni, che non sono persone, ma enti e strutture solide, a prendere loro la responsabilità di dire: facciamo un documento tutti gli anni in cui diciamo che questi sono i riferimenti affidabili. Altrimenti stiamo in mano agli spicciafaccende".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: