le notizie che fanno testo, dal 2010

Prato: gita su monte, muore bambino 11 anni. Forse problema congenito

Potrebbe essere stato un "problema congenito" a causare la morte di un bambino di 11 anni, di Paperino di Prato , andato in gita con altri coetanei della parrocchia sul monte Calvana, località casa Bastioni. I genitori degli altri bimbi, che stanno tutti bene, difendono gli accompagnatori.

Sembra essere stata una tragica fatalità, forse dovuta ad "un problema congenito", la morte di un bambino di 11 anni, che insieme ad altri coetanei stava esplorando con il gruppo della parrocchia di Paperino, frazione di Prato, il monte Calvana, località casa Bastioni.
E' una gita che la parrocchia organizza ogni anno, e per i bambini, una sessantina di età compresa tra gli 8 e i 16 anni, "è sempre stato divertente", come racconta una bimba, che però ancora non sapeva della morte del compagno.

Il malore del bambino di 11 anni "Stavamo camminando da un po', eravamo quasi in vetta quando ci hanno detto che un bambino si era sentito male. Mi sono voltata e lo stavano soccorrendo" spiega sempre la bambina.
Il bimbo di 11 anni si è infatti improvvisamente accasciato a terra mentre stava camminando. Immediati i soccorsi. Per primi sono giunti sul posto i sanitari del 118, a piedi, insieme ai pompieri del comando di Prato.
L'elisoccorso Pegaso ha poi trasportato il bambino al pronto soccorso dell'ospedale di Careggi, in codice rosso. Poco dopo il ricovero però il bambino di 11 anni ha subìto un arresto cardiaco, ed è morto.

Gli altri bambini stanno bene Tutti gli altri bambini che erano in gita, accompagnati da alcuni adulti della parrocchia e anche dal parroco di Paperino, sono stati trasportati, sempre con l'elicottero, al comando provinciale dei vigili del fuoco di Prato, dove hanno mangiato, bevuto e sono stati visitati.
Il comandante dei vigili del fuoco di Prato Vincenzo Bennardo conferma che gli altri bambini "stanno bene" e che forse "hanno sofferto un po' di caldo e di sete".

Genitori bimbi: accompagnatori sono attentissimi Prima di sapere della morte del bambino di 11 anni, anche i genitori, fermati da alcuni cronisti, precisano che quella a monte Calvana "è una gita che fanno ogni anno e gli accompagnatori sono attentissimi. Se qualcosa è andato storto non è colpa loro", spendendo parole di apprezzamento e di stima anche per il parroco di San Martino a Paperino, don Carlo Gestri.

Il papà del bambino di 11 anni Una volta appresa la notizia della morte, il padre del bambino di 11 anni, camionista, ricorda come il figlio non sembrava molto propenso ad andare in gita perché, pare, "preferiva stare alla playstation".
I genitori però sembra che abbiano insistito, visto che la famiglia si era trasferita a Paperino di Prato da circa un anno e la gita con la parrocchia poteva essere una buona occasione, per il bambino, per fare nuove amicizie.
Sembra che i genitori del piccolo abbiano dato il proprio assenso per la donazione degli organi.

Procura di Prato apre un fascicolo La procura di Prato ha aperto un fascicolo sulla morte del bambino di 11 anni, promettendo che le "indagini saranno a 360 gradi" ma anticipando che forse il malore potrebbe essere stato causato anche da "un problema congenito".
Domani si saprà se ci sarà bisogno di effettuare l'autopsia sul corpo del bimbo, per stabilire con certezza le cause del decesso. In tal caso, ci saranno probabilmente delle persone iscritte nel registro degli indagati, ma solo come atto dovuto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: