le notizie che fanno testo, dal 2010

Neonato abbandonato dentro un sacchetto si chiamerà Mario. Sta bene

Per fortuna la curiosità di una ragazza ha salvato un neonato che era stato abbandonato a Brescia, vicino a dei cassonetti, in una busta di plastica. Al piccolo è stato dato il nome di Mario, come quello del primario che l'ha assistito per primo.

Tragedia sfiorata a Brescia, dove una ragazza, che ha poi chiesto immediatamente aiuto ad una coppia di anziani, ha notato che nei pressi di un cassonetto situato pare in Corso Magenta, vicino al Conservatorio, c'era un sacchetto di plastica che "si muoveva". All'interno del sacchetto c'era infatti un neonato, di carnagione chiara, pare di al massimo 24 ore di vita, non di più. L'anziana che era con la ragazza ha immediatamente chiamato i carabinieri, e appena arrivati hanno rassicurato i soccorritori del bambino, visibilmente agitati, spiegando loro che sembrava in buone condizioni. Trasportato all'ospedale, al neonato è stato dato il nome Mario, come quello del primario che l'ha soccorso per primo. Intervistato a Rainews, il medico ha spiegato che il piccolo per fortuna sta bene, pesa circa 3 chili e rivela che probabilmente alla nascita è stato ben assistito. La mamma, che i carabinieri stanno cercando, deve aver partorito in casa ma il primario sottolinea come però il cordone ombelicale sia stato tagliato e medicato con cura, come da mani esperte.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: