le notizie che fanno testo, dal 2010

Le Iene: casa sporca, servizi sociali mandano in comunità tre minori. Video

Una storia che ha dell'incredibile ha come protagonisti non solo l'ex corteggiatrice di Uomini e Donne Sabrina Saccomanni e il pr Andrea Barlocco, ma anche e soprattutto i loro tre figli di 6 mesi, 21 mesi e quasi 13 anni. A causa del "troppo disordine" riscontrato in casa di Sabrina Saccomanni e il Andrea Barlocco, infatti, i servizi sociali hanno deciso di allontanare i bambini dai genitori per trasferirli in una comunità. La storia è stata raccontata da Matteo Viviani de Le Iene (video).

Una storia che ha dell'incredibile ha come protagonisti non solo l'ex corteggiatrice di Uomini e Donne Sabrina Saccomanni e il pr Andrea Barlocco, ma anche e soprattutto i loro tre figli di 6 mesi, 21 mesi e quasi 13 anni. A causa del "troppo disordine" riscontrato in casa di Sabrina Saccomanni e il Andrea Barlocco, infatti, i servizi sociali hanno deciso di allontanare i bambini dai genitori per trasferirli in una comunità. La storia è stata raccontata da Matteo Viviani de Le Iene (video), spiegando che "circa un mese fa i servizi sociali, accompagnati dai carabinieri e dalla polizia locale entrano in casa di Sabrina Saccomanni e Andrea Barlocco mentre non ci sono e portano via i tre bambini e la baby sitter che li stava accudendo". La iena Viviani prosegue: "Dieci giorni dopo questa visita, i due ricevono una telefonata dal maresciallo e gli chiedono di presentarsi in caserma con la massima urgenza per comunicargli" che "non sarebbero più stati in casa con noi ma sarebbero stati portati in una situazione alternativa" racconta in lacrime il padre dei tre bimbi, Andrea Barlocco. Nel servizio de Le Iene viene spiegato che i servizi sociali hanno portato via i bambini dai genitori perché "l'abitazione è in condizioni igeniche allarmanti". Nel verbale dei carabinieri, redatto dopo l'ispezione alla casa fatta circa un mese fa, viene scritto per esempio che "alla porta vi era un cane di grosse dimensioni con mutande umane". Andrea Barlocco spiega che "è normale, perché è in calore" e quindi utilizza "dei boxer con dentro un pannolone in modo tale che non sporchi casa". Nel video de Le Iene vengono poi elencati le altre "sporcizie" e gli altri "disordini" riscontrati nella casa, tra cui "carte senza nessun ordine" e in una lavanderia "un muro di vestiti puzzolenti tutti ancora da lavare". Andrea Barlocco fa notare: "In una casa con 5 persone con 3 bambini, basta fare 3 giorni senza fare la lavatrice che qua (nella stanza lavanderia, ndr) non entri più". Nella relazione dei carabinieri, oltre a venir contestato il disordine nella cameretta del figlio 13enne, si parla poi "di un bagno totalmente inutilizzabile talmente era sporco", ma i genitori chiariscono che quello è il bagno usato esclusivamente da un loro cane. Nel servizio Le Iene sottolineano anche che "la casa è di 300 metri quadrati" e che quindi i genitori, che hanno scattato delle foto all'abitazione dopo l'ispezione dei carabinieri per dimostrare che non era veramente "in condizioni igeniche allarmanti", non avrebbero potuto pulire tutto nel giro di poche ore. I legali di Sabrina Saccomanni e Andrea Barlocco precisano invece che i carabinieri non avrebbero scattato delle foto per dimostrare la corrispondenza tra relazione e gli ambienti della casa descritti nella relazione. Gli avvocati Sonia Gaiola e Valentina Bonomi spiegano inoltre che "in questo caso specifico si stanno adottando delle procedure estreme che sono tutto fuorché il favorire il bene psico-fisico dei bambini". Anche il prete della parrocchia che frequentava il 13enne e l'allenatore di calcio sono "rimasti colpiti da questa storia perché nessuno ipotizzava una cosa del genere" visto che il bambino era sempre ben vestito, pulito, puntuale. Inoltre, gli avvocati, spiegano che i bambini invece di essere affidati per esempio ai nonni sono stati spostati direttamente in una città "lontana 70 chilometri". Con una telecamera nascosta, i legali dei genitori hanno incontrato gli assistenti sociali che spiegano così la loro decisione di allontanare i bambini dai genitori: "Una casa in disordine è un po' sintomo di trascuratezza, e la trascuratezza è pari al maltrattamento".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: