le notizie che fanno testo, dal 2010

Bimba dimenticata in auto: il padre è indagato per omicidio colposo

Lucio, il padre di Elena, la bambina dimenticata in auto, è stato indagato per omicidio colposo, un reato di minore gravità rispetto all'ipotesi inizialmente avanzata, che con il decesso della piccola sarebbe potuto diventare abbandono di minore aggravato dalla morte.

Si alleggerisce la posizione di Lucio, il padre della piccola Elena dimenticata il 18 maggio scorso in auto, sotto il sole, per 5 ore. Inizialmente l'ipotesi, informale, avanzata dalla procura era quella di abbandono di minore, posizione che sarebbe potuta diventare quindi, ora che la bimba non c'è l'ha fatta, abbandono di minore aggravato dalla morte. Reato che prevede una pena da 3 a 8 anni di reclusione. Dopo che il pm Bruno Auriemma ha ascoltato Lucio, però, la procura ha deciso di indagarlo per omicidio colposo, reato di minore gravità. Dopo il colloquio con il padre di Elena, e probabilmente anche ascoltando le dichiarazioni della madre della piccola, che ha difeso l'innocenza del marito anche con un messaggio trasmesso in tv, il procuratore sembra quindi aver escluso il dolo in questa triste vicenda, e per questo il capo d'accusa è stato trasformato. L'ipotesi di reato, comunque, potrebbe anche cambiare ed attenuarsi maggiormente, ma la notifica si è resa necessaria anche perché lunedì pomeriggio verrà effettuata l'autopsia sul corpicino della piccola Elena, e in tal modo l'indagato può avere la possibilità di nominare dei propri consulenti che li rappresentino.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# auto# autopsia# gravità# omicidio