le notizie che fanno testo, dal 2010

Napoli: nel 2013 donna uccisa da crollo albero. L'allarme in una telefonata

Il 10 giugno 2013 un grosso pino cade in via Aniello Falcone, a Napoli, travolgendo l'auto che stava passando in quell'istante proprio sotto l'albero e uccidendo la donna al volante. Ma due serttimane prima un cittadino aveva dato l'allarme, a quanto pare ignorato.

Il 10 giugno 2013 un grosso pino cade in via Aniello Falcone, a Napoli, travolgendo l'auto che stava passando in quell'istante proprio sotto l'albero. La donna alla guida della vettura, Cristina Alongi 44 anni e madre di due figli, rimarrà uccisa sul colpo. Una tragedia, ma che forse si poteva evitare. Agli atti dell'inchiesta, condotta dalla Procura di Napoli, vengono infatti depositate due telefonate. Un cittadino, circa due settimane prima dell'incidente, aveva segnalato ai vigili del fuoco che l'albero si era inclinato. I vigili del fuoco rigireranno la segnalazione ai vigili urbani, ma nessuno a quanto pare sarebbe intervenuto per scongiurare il pericolo. I due centralinisti sono attualmente indagati per omicidio colposo, con il pm che conduce l'inchiesta che contesta al vigile del fuoco di essersi "limitato a girare la richiesta d’intervento ricevuta alla sala operativa della polizia municipale" e di non aver preso in considerazione "la possibilità di inviare sul posto" una squadra di pompieri. Il vigile urbano sarebbe accusato di aver "omesso di fare alcunché". Indagata anche una terza persona, un agronomo del Comune di Napoli.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# auto# Falcone# incidente# Napoli# omicidio