le notizie che fanno testo, dal 2010

Crisi, Federconsumatori: aumenti e spese per 1.100 euro annui

L'Osservatorio Nazionale Federconsumatori rende noto che la "situazione economica e sociale è ancora peggio di quanto avevamo previsto". Tale affermazione deriva dal fatto che in Italia "tutti i consumi sono in calo a partire da quello turistico".

L'Osservatorio Nazionale Federconsumatori rende noto che la "situazione economica e sociale è ancora peggio di quanto avevamo previsto". Tale affermazione deriva dal fatto che in Italia "tutti i consumi sono in calo a partire da quello turistico", come dimostra il primo consuntivo sull'andamento dei consumi del Paese.
La Federconsumatori sottolinea riguardo al settore turistico i dati evidenziano come "per la prima volta si è sceso sotto la percentuale del 40% di chi ha usufruito di vacanza".
Ma il dato diviene ancora più preoccupante se si analizza il tipo di vacanza che quest'anno hanno scelto gli italiani. Prima di tutto, le ferie sono molto più brevi e nella modalità "mordi e fuggi".
Gli italiani, in questo periodo di crisi cominciano anche a ridurre il consumo alimentare, che si è ridotto del 2%. La Federconsumatori rivela inoltre che sta cambiando anche il tipo di alimentazione, visto che si risparmia non solo a quantità ma anche sulla qualità.
L'Osservatorio comunica poi che "ci aspetta una ripresa autunnale densa di aumenti e spese che porteranno, come prima ipotesi, la stangata sulle famiglie da 886 a circa 1.100 euro annui". Tali aumenti sono calcolati osservando il tasso d'inflazione aumentato all'1,7% ma anche ad aumenti che vanno dal costo del riscaldamento a quello per la scuola.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: