le notizie che fanno testo, dal 2010

Addio viaggi nel tempo: scoperta una pera spazio temporale nei nuclei atomici

Se una mela caduta ispirò la fisica di Newton, potrebbe una pera riscrivere i libri di fisica nucleare? Forse sì. Confermata una nuova "forma" dei nuclei che non è simmetrica e che per gli attuali modelli non potrebbe semplicemente esistere. La "pera spazio temporale" impedirebbe i viaggi nel tempo alla Donnie Darko.

Gli scienziati hanno scoperto una nuova "forma" di atomo che rischia di mettere in crisi gli attuali modelli fisici che descrivono la struttura dei nuclei atomici. La forma trovata in una esigua parte tra miliardi di atomi è quella "a pera". Dopo la mela di Newton sarà quindi forse una pera a suggerire le nuove meccaniche fondamentali dell'universo?

La BBC ha chiesto ad un protagonista della ricerca pubblicata su Phyiscal Review Letters una spiegazione in proposito. Il dottor Marcus Scheck della University of the West of Scotland (UWS) spiega come fino ad ora le teorie della simmetria che i fisici hanno eretto a modello per l'origine ed il funzionamento dell'universo prevedevano solamente tre forme di nuclei: una sferica, una a disco, una a forma di palla da rugby.

Quindi tutte perfettamente simmetriche (per una lezione di simmetria si legga "Il mistero della simmetria" dell'Istituto nazionale di fisica nucleare), nel senso che, se tagliate a metà, le due forme che si ricavano sono esattamente uguali. Ma alcuni atomi sfuggono a questo principio, allungandosi da una parte e somigliando a delle pere.

La forma "allungata" dell'atomo era già stata notata nei nuclei del radio-224, e del radio-226, ma la prova del nove è stata la scoperta della forma "a pera" anche nel bario-144. Il nuovo studio sul bario-144 potrebbe addirittura spiegare la rarità dell'antimateria nell'universo (eppure, teoricamente, il Big Bang avrebbe prodotto la stessa quantità di materia ed antimateria), sia l'impossibilità dei viaggi nel tempo.

Il dottor Scheck spiega infatti che secondo il modello accettato attualmente dalla fisica, il nucleo a forma di pera non dovrebbe assolutamente esistere, e sui viaggi nel tempo spiega alla BBC: "Abbiamo trovato che questi nuclei letteralmente puntano verso una direzione nello spazio. Questo significa che sono orientati verso una direzione nel tempo, dimostrando che c'è una direzione ben precisa del tempo e che noi viaggiamo sempre dal passato al presente".

In soldoni significa che, se dal punto di vista atomico la realtà viaggia sempre verso il futuro, è intrinsecamente impossibile anche per noi (fatti di atomi) poter viaggiare verso il passato (e incontrare il coniglione di Donnie Darko). Le ricerche comunque andranno avanti, anche perché questi isotopi come il bario-144 sono molto "sfuggevoli" per l'analisi (decadono molto velocemente) e vanno prodotti in grandi quantità per avvalorare uno studio statistico.

Il professor Scheck sarà quindi impegnato prossimamente al CERN nel progetto ISOLDE (acronimo di Isotope Separator On Line Detector) che produrrà a getto continuo atomi di bario-144 per osservare la pera spazio temporale che nascondono.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: