le notizie che fanno testo, dal 2010

Pietro Mennea, Sara Simeoni: con lui gli anni dell'atletica fai da te

Pietro Mennea e Sara Simeoni, che fanno sognare l'Italia alle Olimpiadi di Mosca del 1980. Sara Simeoni ammette che la morte di Pietro Mennea le infonde una "tristezza incredibile" ricordando gli "anni bellissimi vissuti insieme, allenandoci fianco a fianco, sopportando gli allenamenti insieme".

La campionessa olimpiaca del santo in alto Sara Simeoni, con l'oro conquistato a Mosca nel 1980 insieme a quello di Pietro Mennea nei 200 metri piani, ricorda con "tristezza incredibile" la Freccia del Sud di Barletta. Pietro Mennea è morto oggi all'età di 61 anni , e Sara Simeoni a "Rai Sport" ammette: "Se n'è andato un pezzo della mia vita". Una vita di sacrifici e grandi soddisfazioni, quando "l' atletica era un fai da te", ammette Sara Simenoni, e per questo permetteva di costruire una carriera sportiva grazie al "carattere" e al personale "modo di fare". Elementi, questi, che non sono mancati a Pietro Mennea e Sara Simenoni grazie ai quali hanno raggiunto "risultati importanti". "Ho vissuto anni bellissimi insieme a Pietro - racconta ancora Sara Simenoni - allenandoci fianco a fianco, sopportando gli allenamenti insieme. Ci facevamo coraggio. Erano anni in cui non avevi la possibilità di avere riferimenti o qualcuno che ti potesse dare consigli". Pensando che l'amico Pietro Mennea non c'è più, a Sara Simeoni mancano le parole, ggiungendo solo che "è stato grandissimo" e che poteva attendersi "di tutto, ma non questa notizia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: