le notizie che fanno testo, dal 2010

Byron Moreno in carcere per traffico di droga

Byron Moreno è stato condannato a 30 mesi di carcere, dopo che più di due anni fa fu arrestato all'areoporto JFK di New York con addosso sei chilogrammi di eroina. Fu l'arbitro che diresse la "sciagurata" Italia-Corea del Sud dei Mondiali del 2002.

Due anni e mezzo di carcere per traffico di eroina. E' questa la pena inflitta a Byron Moreno, l'ex arbitro internazionale nato in Ecuador, che nel 2002 fu il giudice di gara di una delle partite più discusse della storia del calcio, con protagoniste l'Italia e la Corea del Sud. Si trattò dei quarti di finale della Coppa del Mondo ospitata proprio dalla Corea e dal Giappone. L'arbitro Moreno si distinse per aver diretto la gara in modo definito dai più "scandaloso" e chiaramente a favore dei padroni di casa. Oltre a diversi interventi "discussi", espulse "ingiustamente" l'allora 26enne Francesco Totti e annullò il Golden Gol regolare all'altro romanista Damiano Tommasi che avrebbe chiuso la partita a favore degli azzurri allenati da Giovanni Trapattoni. Alla fine vinse la Corea del Sud, facendo gridare all'indecenza, ma soprattutto facendo arrabbiare non poco tutto il popolo tifoso italiano. E oggi Moreno fa ancora parlare di lui. Una corte distrettuale di New York lo ha condannato a due anni e mezzo di carcere dopo l'arresto avvenuto il 21 settembre 2010 all'areoporto JFK di New York. In quell'occasione fu trovato con sei chilogrammi di eroina nascosti sotto i vestiti dentro a dei sacchetti di plastica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: