le notizie che fanno testo, dal 2010

Italiani vecchi, grassi, pigri ma immortali: Rapporto Osservasalute

Gli italiani sono sempre più vecchi, pigri, in sovrappeso, eccedono in alcol, sedentarietà, antidepressivi e cocaina. Le donne stanno prendendo la stessa "piega" degli uomini, ma nel Bel Paese, anche se di poco, aumenta l'aspettativa di vita.

L'Italia gerontocratica, l'Italia "monogenerazionale" come diceva Kattens, può sorridere ancora una volta. Secondo il rigoroso studio "Rapporto Osservasalute (2010)" presentato al Policlinico Gemelli - Università Cattolica di Roma, giunto alla sua VIII edizione e pubblicato dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, l'aspettativa di vita di uomini e donne cresce, nonostante tutto. Per le donne cresce di appena tre mesi (negli ultimi 5 anni passa da 84 anni del 2006 a 84,3 del 2010) e per gli uomini aumenta di sette mesi (negli ultimi 5 anni passa da 78,4 anni del 2006 a 79,1 del 2010), e il "nonostante tutto" è riferito ai comportamenti che non fanno di certo avanzare di molto la longevità, ovvero alcol, fumo, alimentazione sballata, consumo di sostanze stupefacenti e farmaci, sedentarietà.
Questa in estrema sintesi la visione di insieme dello studio "Rapporto Osservasalute (2010)" che fa emergere i comportamenti a rischio degli Italiani e che stigmatizza anche il problema delle istituzioni sanitarie, sempre più carenti e assenti, soprattutto al Sud, e nella prevenzione. Mancano i fondi, gli ospedali e i presidi si chiudono, manca la cultura e l'insegnamento del "benessere" che prima era ben radicato nel Bel Paese, a partire dalla dieta mediterranea. Lo stile di vita "consumistico" ha fatto sì che soprattutto le donne si stiano "lasciando andare", cominciando a bere e a fumare e ad adottare le insane abitudini proprie degli uomini (soprattutto per il consumo di alcol). Inoltre preoccupa l'aumento del consumo di cocaina e farmaci antidepressivi in tutta Italia. Se poi si incrocia questa ricerca ai dati dell'Istat sull'analfabetismo e alle altre statistiche sul consumo procapite (cronico) di farmaci e sulle condizioni economiche, ne viene fuori un bel quadretto della "famiglia Italia" per cui si prospetta un futuro davvero inquietante.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: