le notizie che fanno testo, dal 2010

Sempre più "errori" dal Pentagono: antrace vivo spedito in Australia nel 2008

Gli "errori" del Pentagono nell'inviare antrace vivo sono stati molto più numerosi e prolungati nel tempo di quanto si pensasse. Il Pentagono ammette che sono 11 e non 9 gli Stati che hanno ricevuto le spore non inattivate del batterio Bacillus anthracis, rivelando che campioni di antrace vivo oltre ad essere stati spediti in Corea del Sud furono inviati anche in Australia nel 2008.

Gli "errori" del Pentagono nell'inviare antrace vivo sono stati molto più numerosi e prolungati nel tempo di quanto si pensasse. Inizialmente il laboratorio dell'esercito nello Utah da cui sono partiti i campioni aveva rivelato che le spore del batterio Bacillus anthracis, il quale provoca l'antrace (detto anche carbonchio), erano state inviate in 9 Stati USA più uno nella base americana in Corea del Sud. Venerdì il Pentagono ha però ammesso che sono almeno 11 i laboratori che hanno ricevuto l'antrace non inattivato, precisando inoltre che un pacco sospetto con antrace vivo potrebbe essere stato spedito anche in Australia nel 2008. Il Pentagono continua però ad assicurare sul fatto che "non vi è alcun rischio per il pubblico" mentre esiste solo "un bassissimo rischio per i lavoratori dei laboratori" che hanno ricevuto l'antrace vivo. Nonostante questo, il Dipartimento della Difesa ha consigliato a tutti i laboratori che hanno ricevuto dagli Stati Uniti antrace inattivo di bloccare ogni ricerca. Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha reso noto che in totale sarebbero almeno 18 i centri di ricerca destinatari dei pacchi con antrace inviati dal Dugway Proving Ground, laboratorio che da quando è stato inaugurato nel 1942 testa armi chimiche. Nei prossimi giorni, quindi, il CDC rivelerà esattamente quante spedizioni di atrace attivo sono state spedite. Per il momento, nessuno sembra essere entrato in contatto con l'antrace. Dopo tale scandalo, l'esercito americano ha ordinato una revisione totale delle procedure atte ad inattivare i batteri del Bacillus anthracis.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: