le notizie che fanno testo, dal 2010

Pillola anticoncezionale: l'indice Pearl ti cambia la vita

Da qualche tempo a questa parte vengono pubblicate numerose ricerche che evidenzierebbero gli effetti totalmente benefici delle pillola anticoncezionale, mettendo in un cassetto tutte quelle controindicazioni che però sono ancora scritte nel bugiardino.

Da qualche tempo a questa parte vengono pubblicate numerose ricerche che evidenzierebbero gli effetti totalmente benefici delle pillola anticoncezionale, ultima delle quali quella effettuara su 46.000 donne seguite per 40 anni e pubblicata sulla rivista British Medical Journal che dimostrerebbe come le donne che abbiano usato il contraccettivo orale vivrebbero più a lungo godendo anche di una migliore salute. Tale studio ha immediatamente appassionato i nostri ginecologi che nei giorni scorsi si sono riuniti a Milano per il Congresso nazionale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO). Anche la SIGO avrebbe svolto un'indagine intervistando tra ottobre e novembre 2010 (sono stati più sbrigativi dei colleghi britannici) 350 medici che avrebbero confermato che la pillola contraccettiva è il vero alleato di salute per la donna per il 73% dei ginecologi italiani.
Secondo l'82% dei medici chi assume la pillola anticoncezionale avrebbe stili di vita più salutari rispetto al fumo (quindi è stata paragonata ad un vizio non certo salutare), al sovrappeso e alle malattie sessualmente trasmissibili, e naturalmente per gli esperti migliorerebbe anche la fertilità. Insomma, la pillola anticoncezionale sarebbe un vero toccasana, e lo sarà ancora di più per questi specialisti quando verrà finalmente introdotta quella di quarta generazione o l'estrogeno naturale, cioè a base di estradiolo.
Insomma, come titolano alcuni media la pillola sarebbe il vero elisir di lunga vita, senza controindicazioni ma anzi offrendo innumerevoli vantaggi.
Nessuno parla più di quelli che a lungo andare forse diverranno semplici luoghi comuni, ma che molte donne hanno comunque sperimentato su se stesse portandole a cambiare metodo di contraccezione.
Invece di assumere ormoni artificiali, infatti, esistono varie tecniche veramente naturali con la stessa percentuale di sicurezza della pillola, perché basate sull'indice Pearl (che indica quante gravidanze casuali avvengono in 100 anni d'uso di un determinato anticoncezionale) come per esempio i piccoli computer della Baby Comp (http://www.babycomp.it/).

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: