le notizie che fanno testo, dal 2010

Pappagallo denunciato per stalking: rischia il gabbio

Un napoletano ed un romano a Tarquinia, in provincia di Viterbo, si sono rivolti al commissariato di zona perché un pappagallo li stava perseguitando e molestando con degli apprezzamenti fuori luogo. Al primo diceva "terrone, terrone" e al secondo "ciccione, ciccione".

Un napoletano ed un romano a Tarquinia, in provincia di Viterbo, si sono rivolti al commissariato di zona perché un pappagallo li stava perseguitando e molestando con degli apprezzamenti fuori luogo. L'intelligentissimo pennuto colorato, infatti, ogni volta che uscivano di casa li apostrofava, rivolgendosi al primo dicendo "terrone, terrone" mentre al secondo, che è un po' robusto, lo chiamava "ciccione, ciccione".
I due, allora, hanno pensato bene di denunciarlo per stalking, forse perché l'ansia li assaliva ogni volta che dovevavo uscire o tornare a casa.
Il pappagallo è di proprietà di una donna che abita sopra i due uomini, e la stessa viene accusata di aver insegnato al pennuto tali parole per insultare i vicini di casa.
Non si capisce se la denuncia sia rivolta verso la donna o verso l'animale, ma se il pappagallo venisse condannato paradossalmente questa potrebbe essere la prova che anche un semplice pennuto conosce la differenza tra il bene e il male.
Pare che i due uomini vogliano comunque veder andar via da quella casa il grosso pennuto, senza minimamente pensare che, visto che distingue le persone, forse potrebbe anche sentire la mancanza di altre.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# stalking# Tarquinia# Viterbo