le notizie che fanno testo, dal 2010

Amore eterno se si è simili? Ecco il test Quoziente di compatibilità

L'amore non è bello se non è litigarello? E' lo psicologo britannico Glenn Wilson ha smontare l'idea della coppia messa in musica da Jimmy Fontana, mettendo a punto il cosiddetto "Quoziente di compatibilità" (Qc), che verrà presentato alla Sapienza di Roma.

L'amore non è bello se non è litigarello? E' lo psicologo britannico Glenn Wilson ha smontare l'idea della coppia messa in musica da Jimmy Fontana (nome d'arte di Enrico Sbriccoli), addirittura mettendo a punto il cosiddetto "Quoziente di compatibilità" (Qc), che per gli studiosi, ma anche per i più curiosi, verrà presentato il 26 maggio presso l'Università La Sapienza di Roma durante il seminario "La scelta del partner e il successo di una relazione", organizzato da Antonio Chirumbolo, docente di Psicometria e Teoria e tecniche dei test. E per Glenn Wilson, che ha standardizzato il test Qc lavorando su un campione di oltre 2.000 persone, e in seguito validandolo su campioni composti da coppie, il "successo di una relazione" è dovuto principalmente alla similarietà dei due amanti. I litigi non servono a niente, se non a sfasciare la coppia, e quindi cade anche il mito che vuole gli opposti attrarsi. Niente di più falso, stando al test del "Quoziente di compatibilità", che evidenzia come invece le relazioni non solo più durature ma anche maggiormenti soddisfacenti riescono quando la coppia nutre gli stessi interessi. Questo naturalmente non vuole dire "essere uguali" ma forse solo essere "complementari", come le classiche due metà di una stessa mela. Se una coppia, in effetti, non condivide le stesse passioni e le stesse idee, difficilmente, soprattutto alla lunga, potrà reggere. Al massimo potrà sopportarsi. D'altronde, la storia è piena di esempi di illustri successi compiuti perché in coppia, come le scoperte dei coniugi Curie, Pierre e Marie, o degli Schliemann, Heinrich e della sua seconda moglie Sophia, perché forse la prima non era così appassionata di archeologia. Se fosse stato disponibile prima il "Quoziente di compatibilità" (Compatibility Quotient), chissà se Schliemann avrebbe scoperto prima il famoso Tesoro di Priamo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# amore# arte# La Sapienza# musica# Roma# Università