le notizie che fanno testo, dal 2010

Rave party Pietra Nera: malore, 30enne muore. Ragazza in coma etilico

Un morto e una ragazza fortunatamente salvata dopo essere entrata in coma etilico. E' questo il triste bilancio del Rave Party di Pietra Nera che ha avuto luogo a Rovegno, in Alta val Trebbia (Genova). Tragedia che forse poteva essere evitata.

Un morto e una ragazza fortunatamente salvata dopo essere entrata in coma etilico. E' questo il triste bilancio del Rave Party di Pietra Nera che ha avuto luogo a Rovegno, in Alta val Trebbia (Genova). Sembra che al rave party di due giorni si fossero radunati circa 3000 ragazzi, ma la tragedia forse poteva essere evitata, visto che non è il primo anno che si organizza tale raduno. "Genova24.it" ricorda infatti che "nel 2009 erano stati 26 i giovani giovani denunciati dai carabinieri per occupazione di un terreno privato e altre tre persone per guida in stato di ebbrezza e rifiuto di sottoporsi al test sugli stupefacenti. Nel 2010, invece, le denunce erano salite addirittura a 40" (http://is.gd/YejLoc), mentre il sindaco di Rovegno sottolinea di aver "denunciato la situazione molte volte, ma nessuno ha fatto nulla" evidenziando che "con una folla del genere, c'erano solo due macchine dei carabinieri". La prima a rischiare la vita era stata una ragazza napoletana di 25 anni che ad un certo punto si sarebbe accasciata priva di sensi perché in coma etilico. Una volta ricoverata all'Ospedale San Martino di Genova, dove i medici le hanno salvato la vita, la ragazza ha raccontato di aver assunto un mix di alcol e droga, pare anche di anfetamine. Più tardi, invece, un trentenne sarebbe morto nel corso del rave party. Non si conoscono le generalità del giovane perché pare non avesse con sé documenti. Le autorità stanno effettuando gli accertamenti del caso.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: