le notizie che fanno testo, dal 2010

Rai1, Linea verde estate: agricoltura tra innovazione e ricerca

"La puntata di Linea verde estate domenica 12 luglio, su Rai1 alle 12.20, tratterà della ricerca e dell'innovazione. La ricerca in agricoltura non è un puro esercizio accademico ma è un complesso di discipline che interagiscono per uno scopo ben preciso: quello di migliorare la qualità di quello che si mangia e si beve, di porre rimedio a quei cambiamenti climatici che potrebbero cambiare la struttura molecolare di elementi fondamentali come il grano, e molto altro", fanno sapere dalla tv pubblica di Stato.

"La puntata di Linea verde estate domenica 12 luglio - apre con un comunicato la tv pubblica di Stato -, su Rai1 alle 12.20, tratterà della ricerca e dell'innovazione. La ricerca in agricoltura non è un puro esercizio accademico ma è un complesso di discipline che interagiscono per uno scopo ben preciso: quello di migliorare la qualità di quello che si mangia e si beve, di porre rimedio a quei cambiamenti climatici che potrebbero cambiare la struttura molecolare di elementi fondamentali come il grano, e molto altro."
La Rai spiega ancora: "In una parola, la ricerca e l'innovazione sono un'assicurazione per la salute e, su scala planetaria, un passaggio obbligato per la sopravvivenza. In particolare, Patrizio Roversi visiterà a San Casciano in Val di Pesa l'azienda agricola universitaria Villa Montepaldi di proprietà dell'Università di Firenze, dove sono state recuperate ben 8 varietà di grani antichi le cui farine, molate rigorosamente in pietra, sono state riavviate alla produzione di pane e pasta. Sarà l'occasione di fare il punto sulle numerose realtà agricole che stanno recuperando questi grani per capire anche, con l'aiuto del fitoterapeuta e nutrizionista Ciro Vestita, cosa ha portato in questi ultimi decenni alla crescita esponenziale delle intolleranze al glutine."
"Daniela Ferolla invece, da Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena, visiterà un allevamento di lumache a ciclo biologico completo: l'elicicoltura desta sempre maggiore interesse e si cercherà di capire se davvero un impegno tutto sommato limitato, come quello di un allevamento di chiocciole, può generare profitti interessanti anche alla luce dell'utilizzo in campo cosmetico e farmacologico della loro bava. Tra le riproposte dalla passata edizione invernale, si vedrà poi una cantina a 'bolletta zero', la cui illuminazione è generata da un sistema di specchi 'amplificatori' della luce solare anche quando questa è debole. Innovazione e, in questo caso, sostenibilità" viene concluso infine nella nota.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: