le notizie che fanno testo, dal 2010

Moria api Italia: Camera approva mozione che promuove indagine epidemiologica

La Camera ha approvato una mozione che tutela e rilancia la filiera dell'apicoltura, e che chiede al governo di promuovere un'indagine epidemiologica sul preoccupante fenomeno della moria delle api in Italia. Inoltre, chiede intervento forte e determinante in Europa contro l'autorizzazione all'uso di pesticidi neonicotinoidi e al divieto di antibiotici e di sulfamidici nell'allevamento delle api.

Il 27 maggio "la Camera ha approvato una mozione che tutela e rilancia la filiera dell’apicoltura. In essa si chiede al governo di promuovere un’indagine epidemiologica sul preoccupante fenomeno della moria delle api e un intervento forte e determinante in Europa contro l’autorizzazione all’uso di pesticidi neonicotinoidi e al divieto di antibiotici e di sulfamidici nell’allevamento delle api" annuncia Nicodemo Oliverio, deputato PD e componente della commissione Agricoltura della Camera. Oliverio ricorda infatti che "nonostante la grande moria di alveari verificatasi dal 2008, l'Italia è al quarto posto in Europa per il suo patrimonio apistico con un fatturato complessivo di 60 milioni di euro, che arriva a 2,5 miliardi se si considera l’incremento produttivo che le api generano in agricoltura attraverso l’impollinazione". Inoltre, "l'esportazione di miele contribuisce a incrementare il valore dell’export agroalimentare italiano grazie ai circa 10mila quintali di miele venduti ogni anno in Europa, Stati Uniti, Giappone e Paesi Arabi", con un "valore economico derivante da tale produzione" che è "di circa 20,6 milioni di euro, mentre quello che proviene dall'indotto ammonta a oltre 57-62 milioni di euro". A maggior ragione, quindi, il patrimonio apistico è da tutelare. Il deputato PD assicura che la mozione "segna finalmente un passo importante per realizzare una politica pubblica di prevenzione e di cura per affrontare le patologie degli alveari anche mediante il rafforzamento delle attività di formazione degli apicoltori e la formazione della figura del veterinario specializzato nel settore apistico". Nicodemo Oliverio sottolinea infatti come in Italia l'apicoltura costituisca anche "un settore di interesse nazionale utile per la conservazione dell'ambiente naturale, dell'ecosistema e dell'agricoltura in generale ed è finalizzata a garantire l'impollinazione naturale e la biodiversità di specie apistiche, con particolare riferimento alla salvaguardia della razza di ape italiana e delle popolazioni di api autoctone tipiche o delle zone di confine".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: