le notizie che fanno testo, dal 2010

Expo 2015: l'agroalimentare italiano è settore strategico per uscire da crisi

Il capogruppo PD in commissione Agricoltura alla Camera, Nicodemo Oliverio, sottolinea che "la firma del protocollo d'intesa per la partecipazione dell'agroalimentare italiano a Expo 2015 da parte del ministro delle Politiche agricole Martina rappresenta una grande opportunità di far conoscere le nostre eccellenze nel mondo e aumentare il nostro export".

"La firma del protocollo d'intesa per la partecipazione dell'agroalimentare italiano a Expo 2015 da parte del ministro delle Politiche agricole Martina è sicuramente un primo, significativo passo verso l'affermazione di una più consapevole e partecipata cultura dell'agroalimentare, quale settore strategico per il rilancio e la crescita del nostro Paese" afferma il capogruppo PD in commissione Agricoltura alla Camera, Nicodemo Oliverio, spiegando che "investire sul comparto agroalimentare deve diventare una sorta di imperativo". In una nota, Oliverio ricorda infatti che "in passato la politica ha dato poca centralità ai temi dell'agricoltura" mentre "ora abbiamo capito che è necessario cambiare direzione, anche perché i numeri ci dicono non solo che il settore è emergente, ma che è anche uno dei pochi comparti che reggono l'impatto della crisi". Per il deputato del PD, quindi, "l'Expo 2015 rappresenta una grande opportunità di far conoscere le nostre eccellenze nel mondo e aumentare il nostro export. - concludendo - Il nostro Paese deve essere messo nelle condizioni di cogliere questa grande opportunità".

© riproduzione riservata | online: | update: 11/03/2014

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Expo 2015: l'agroalimentare italiano è settore strategico per uscire da crisi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI