le notizie che fanno testo, dal 2010

USB, Staccioli: "incidente Carpatair è solo la punta dell'iceberg"

L'Unione Sindacale di Base (USB) indice una manifestazione dei lavoratori del Trasporto Aereo giovedì 14 febbraio al Terminal 1 dell'aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino con le parole d'ordine: "Lavoro, sicurezza, responsabilità". Francesco Staccioli, dell'USB Lavoro Privato: "L'incidente Carpatair è solo la punta dell'iceberg di una situazione insostenibile".

L'ex presidente del British Caledonian Group Sir Adam Thompson diceva negli anni '90 del secolo scorso: "E' recessione quando stringi la tua cinghia. E' depressione quando non hai alcuna cinghia da stringere. Quando hai perso i tuoi pantaloni, sei nel business delle linee aeree". Questa massima sembra valida anche per il terzo millennio quando si analizza la crisi del mercato aereo e i suoi risvolti nel mondo del lavoro. L'USB, Unione Sindacale di Base indice una manifestazione dei lavoratori del Trasporto Aereo giovedì 14 febbraio al Terminal 1 dell'aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. Le parole d'ordine saranno "Lavoro, sicurezza, responsabilità". Spiega Francesco Staccioli, dell'USB Lavoro Privato: "L'incidente Carpatair è solo la punta dell'iceberg di una situazione insostenibile che, a partire dalla compagnia di bandiera interessata da una grave crisi, rischia un effetto domino devastante nell'intero settore del trasporto aereo italiano, già interessato una grave crisi di sistema. "Non è possibile che in questo paese le compagnie aeree cedano attività di volo ad altre compagnie oppure paghino le low cost, mentre migliaia di lavoratori ex Alitalia, CAI, Meridiana, Windjet sono in cassaintegrazione o mobilità. Così come non è possibile che negli aeroporti c'è chi fa soldi con le tasse e gli appalti mentre ogni giorno si macerano diritti e lavoro, anche a discapito della sicurezza, come purtroppo testimonia la morte dell'operaio avvenuta a Fiumicino l' 11 novembre scorso". Il dirigente USB affronta anche un'altra spina nel fianco del comparto aereo: "E' di questi giorni la drammatica vertenza che interessa i dipendenti della World Duty Free e coinvolge costantemente gli handlers, le manutenzioni, i catering e le aziende del trasporto aereo, colpiti dalla logica del massimo ribasso lasciando sul tappeto centinaia di lavoratori espulsi dal ciclo produttivo". Conclude Francesco Staccioli: "L'USB ritiene necessario ribaltare il tavolo che fin ora ha visto solo gli interessi e le speculazioni dei poteri forti e rimettere al centro il tema del lavoro e della sicurezza. Finora hanno pagato solo i lavoratori e l'intera collettività, è ora che la catena delle responsabilità sia ripristinata e chi distrugge il settore cominci a pagare".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: