le notizie che fanno testo, dal 2010

WindJet, entro mercoledì si decide: o Prodi bis o ripresa attività

Entro mercoledì prossimo la WindJet deciderà se riprendere l'attività anche attraverso una nuova società o accettare la proposta del Prodi bis, e cioè il commissariamento della compagnia aerea low cost. l'Enac chiede come priorità la tutela dei passeggeri Wind Jet.

La WindJet si prende ancora qualche giorno, fino a mercoledì prossimo, per decidere se "l'attività verrà ripresa attraverso anche una nuova società", come spiega il presidente della compagnia aerea low cost Nino Pulvirenti, oppure è necessario "ricorrere alla legge Prodi bis". Pulvirenti pensa infatti che nel cassetto possa esserci un'alternativa al commissariamento dell'azienda, precisando comunque che "la cosa più importante in questo momento è salvaguardare il più possibile i posti di lavoro e soprattutto non creare disagi ai passeggeri". A tal proposito, l'Enac (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) auspica che "la vicenda Wind Jet si concluda in breve tempo e positivamente" soprattutto perché "è fondamentale che vengano tutelati i diritti dei passeggeri". In una nota, l'Enac chiede alla WindJet di onorare "gli impegni presi con i passeggeri che hanno acquistato un biglietto della compagnia, e quindi che vengano indennizzati, tramite la restituzione del sovrapprezzo pagato, coloro che hanno scelto di volare con altre compagnie", e questo "sia che l'attuale società continui ad operare, sia che venga creata una newco". "Per quanto riguarda invece i passeggeri che hanno deciso di rinunciare al viaggio - presegue l'Enac - gli deve essere restituito dalla compagnia il totale di quanto pagato, comprensivo di tasse e diritti". Intanto, sul sito dell'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile continua la pubblicazione dell'elenco dei voli sostituitivi Wind Jet fino al 3 settembre.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: