le notizie che fanno testo, dal 2010

Aereo precipitato in Francia: il nome del copilota. Comandante era di Dusseldorf

Comincia a circolare la tesi che l'incidente dell'aereo della Germanwings, precipitato in Francia, sia stato provocato dal suicidio del comandante oppure a causa di un attentato. Di che nazionalità erano i piloti, si domanda già qualche politico. Entrambi erano di Düsseldorf (Germania) e il comandante era "un uomo buono" sposato con due figli. Non proprio l'identikit di un pericolo terrorista come qualcuno tenta già di ipotizzare.

Sui media comincia sempre più a farsi largo l'ipotesi che l'incidente dell'aereo della Germanwings, precipitato in Francia, sia stato provocato dal suicidio del comandante oppure a causa di un attentato. Un tesi che non chiarisce, però, molti altri dubbi, come il fatto che nessuno delle altre 149 persone a bordo abbia lanciato un allarme, neanche tentando di chiamare attraverso il telefono cellulare. Un particolare che fa sorgere il dubbio che passeggeri e membri dell'equipaggio possano in qualche maniera essere rimasti "intontiti" (sindrome aerotossica) per quei 10 interminabili minuti di discesa verso le montagne francesi, visto che in prossimità dello schianto sarebbero scattati anche alcuni allarmi sonori, come riporta l'AFP. Già alcuni politici, anche italiani, domandano quindi di quale nazionalità fossero i due piloti. Stando a quanto riporta Paris Match, il copilota rimasto fuori dalla cabina di comando per motivi ancora tutti da accertare (anche perché non è stata recuperata la seconda scatola nera FDR) sarebbe Andreas GL, originario di Dússeldorf (Germania), con 630 ore ore di volo. Ancora senza nome il pilota rimasto in cabina fino al momento dello schianto, ma sempre Paris Match sostiene che era originario di Dússeldorf. A differenza di Andreas GL, però, il comandante era un pilota di grande esperienza, con più di 6mila ore di volo. Ad Europe 1 un ex collega del pilota che comandava l'Airbus A320 della Germanwings assicura che "era uno dei migliori" ma anche "un uomo molto buono, gentile, con umorismo" e sposato con due figli. Non proprio l'identikit di un pericoloso terrorista come qualcuno tenta già di ipotizzare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: