le notizie che fanno testo, dal 2010

Lacrime femminili abbassano libido maschile. La vendetta di Benveniste

Stupore e plauso della comunità scientifica per l'effetto delle lacrime femminili sulla libido maschile: se un uomo le annusa ha un calo del desiderio. A questo punto urge che la Scienza dia il Nobel postumo anche a Jacques Benveniste, lo scopritore della "memoria dell'acqua".

Già si parla di un misterioso "marker chimico", un "chemosignal" nelle lacrime delle donne che, con un esperimento a doppio cieco (con lacrime "piante" contro "soluzione salina"), risulterebbero abbassare il testosterone maschile e quindi la libido degli uomini. Secondo la ricerca le lacrime delle donne fanno diminuire il "sex appeal" femminile.
Le lacrime non dovrebbero contenere nessun profumo per la scienza, eppure la stessa scienza oggi ci comunica che, facendo annusare le lacrime femminili (raccolte facendo vedere alle femmine film "tristi") agli uomini (che davanti ad un monitor vedevano volti di donne), i maschi risultavano con tutti i "parametri" a posto tranne quello del testosterone.
Ergo: le lacrime femminili conterrebbero un "misterioso messaggero" chimico che inibirebbe la produzione di testosterone, avallando l'antico proverbio partenopeo che il di lui "lui" "non vuole pensieri".
E se "Le Scienze", edizione italiana di Scientific American, scrive che "il minor grado di attivazione sessuale dopo aver annusato le lacrime percepito soggettivamente è stato confermato da misurazioni di paramentri fisiologici" e riporta che "annusare le lacrime ridurrebbe l'attivazione sessuale negli uomini, anche quando la donna che le ha prodotte non è presente" ("Un risultato inatteso - Scoperto un misterioso 'messaggio chimico' nelle lacrime" http://is.gd/knA1A), la memoria, è proprio il caso di dirlo, torna al compianto Jacques Benveniste, il geniale immunologo francese che scoprì la "memoria dell'acqua".
Jacques Benveniste è morto nel 2004 senza gli onori che gli sarebbero spettati per la sua carriera scientifica. Benveniste difatti è stato attentamente ricoperto di fango dalle lobbies scientifiche e da quella "Big Pharma" che oggi plauderà, senza battere ciglio, alla Scienza che scopre che le emozioni negative sono trasmissibili, attraverso l'olfatto, dalle lacrime umane che non hanno odore. ("Human Tears Contain a Chemosignal" - "We found that merely sniffing negative-emotion–related odorless tears obtained from women donors, induced reductions in sexual appeal attributed by men to pictures of women's faces" http://is.gd/knydB).
Chissà se anche le lacrime di coccodrillo contengono un chemosignal.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# acqua# Big Pharma# donne# film# memoria# piante# ricerca