le notizie che fanno testo, dal 2010

Zingarelli 2011 anche per iPhone: ma a rischio 2900 parole

Esce la nuova edizione dello Zingarelli 2011, disponibile anche per iPhone, iPad, e iPod Touch, che ha inserito 1500 nuovi termini ma sottolinea che a rischio ce ne sono 2900, ormai in disuso. Ma tanto c'è chi dice che agli italiani bastano 500 parole per tutti i loro discorsi.

Quest'anno è caduto il 150esimo anniversario della nascita dell'autore del dizionario più conosciuto, Nicola Zingarelli, e in questi giorni esce l'edizione 2011 del Vocabolario della Lingua Italiana Zingarelli, con 143mila voci e 377mila significati, 1500 termini nuovi e 2900 termini che stanno per cadere in disuso ma che bisognerebbe salvare. Lo Zingarelli continua infatti la campagna "Salviamo l'italiano della memoria", così chiamata dal linguista Massimo Arcangeli, coordinatore dell'Osservatorio di Zanichelli sulla lingua italiana.
Parole come ginepraio, aulico, scherno, uopo, zelo ma anche nefasto, malloppo, sgominare, carismatico, intrepido e tantissimi altri termini sembrano ormai sconosciuti alla maggioranza degli italiani, che invece preferiscono adottare parole come "gollonzo" (termine inventato dalla Gialappa's ma adottato nel giornalismo sportivo per indicare i goal ridicoli ma fortunati), "shonen" e "shoujo", che indicano riviste e film giapponesi e "archistar" (che sarebbero personaggi come Massimiliano Fuksas o Renzo Piano). Tutte parole che lo Zingarelli ha dovuto inserire nella sua nuova edizione, che sarà disponibile per iPhone, iPad, e iPod Touch. Ma se è vero, come alcune ricerche e studi dimostrerebbero, che ormai agli italiani bastano solo 500 parole per l'80% dei nostri discorsi, provocatoriamente lo Zingarelli potrebbe pensare per il futuro ad un "bignami" della lingua italiana, sempre in un app.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# app# film# iPad# iPhone# memoria# Renzo Piano# Zingarelli