le notizie che fanno testo, dal 2010

Zeman lascia il Cagliari: "ognuno si prenda le sue responsabilità"

Zdenek Zeman consegna le sue "dimissioni irrevocabili" e lascia, per la seconda volta, il Cagliari. La decisione di Zeman segue la sconfitta contro il Napoli e "l'incontro-scontro" tra i giocatori e gli ultrà del Cagliari (gli Sconvolts). Il tecnico boemo avrebbe detto che "ora è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità".

"Il Cagliari Calcio comunica che Zdenek Zeman in data odierna ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico di allenatore responsabile della prima squadra. Al mister Zeman e ai suoi collaboratori vanno i ringraziamenti per il lavoro svolto e i migliori auguri per il proseguo della carriera" rende noto laconicamente il club rossoblù. L'epoea di Zeman al Cagliari si arrichisce quindi di un nuovo capitolo. Dopo essere stato esonerato il 23 dicembre scorso, perché la squadra (allora al terzultimo posto) aveva raccolto solo 12 punti in 16 partite, al Cagliari era approdato in panchina Gianfranco Zola, che però ha lasciato a marzo. Ecco quindi il ritorno del tecnico boemo ma oggi l'allenatore annuncia le sue "dimissioni irrevocabili", quando il Cagliari è penultimo in classifica. "Io ho dato tutto me stesso, ora è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità - avrebbe detto Zeman - Dimettendomi io faccio la mia parte, ora gli altri si assumano le proprie responsabilità". In sostanza, sembra di capire che la decisione di Zeman sia stata presa perché la squadra non seguirebbe le indicazioni del mister. Le dimissioni di Zeman arrivano dopo la sconfitta per 3 a 0 al Sant'Elia (contro il Napoli) dove è stato fischiato dalla curva per la prima volta. In seguito, c'è stato "l'incontro-scontro" tra i giocatori e gli ultrà del Cagliari (gli Sconvolts). Zeman aveva parlato di "giocatori sotto shock" mentre il capitano rossoblù Daniele Conti aveva parlato di un "normale" incontro con i tifosi. Sulla vicenda, indaga ancora la Digos.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: