le notizie che fanno testo, dal 2010

YouTube: 48 ore di video al minuto. 3 mld di visualizzazioni al giorno

YouTube è la nuova televisione e "nuova memoria visiva" dell'umanità. Dai numeri mezzo modo vedrebbe un video di Youtube ogni giorno, e ogni minuto che passa Youtube riceverebbe ben 48 ore di filmati. Il rovescio della medaglia è che sempre di più il "yourself" sta lasciando il posto al "broadcast".

Youtube è senz'altro l'evoluzione della televisione. Evoluzione della televisione e non più "videoregistratore condiviso" dato che i contenuti stanno incominciando sempre di più ad "appartenere ai legittimi proprietari". Finito il tempo della "pastura" come dicono i pescatori ed iniziato il tempo delle "major" e dei "professionisti", usare Youtube, dopo sei anni dal lancio, è diventato per l'Uomo 2.0 un fatto naturale. I dato parlano chiaro: Google parla di "3 miliardi di visualizzazioni al giorno, un incremento del 50% rispetto all'anno precedente" ed enfaticamente ricorda che "questo dato equivale a quasi la metà della popolazione mondiale che ogni giorno guarda un video su YouTube". Un trend che non conosce crisi tanto che la stessa azienda festeggia la vittoria della "sfida" che lanciava (soprattutto a se stessa) a novembre, ovvero "il traguardo di oltre 48 ore di video caricate ogni minuto". Ma se ormai Youtube ha dei sistemi tecnologici che gli consentono di "riconoscere" l'appartenenza dei diritti di copyright di un filmato ("Youtube censura il tuo Mondiale" http://is.gd/WQhg4b), una domanda sorge spontanea: come fa il mega portale video a non subire una crisi "di entusiasmo" da chi si vede in continuazione "oscurare" (per motivi di copyright) la sua puntata preferita del trash pomeridiano che ha "uploadato" sull' account? Google sembra aspettarsi la domanda e "sincero" scrive: "A determinare questa crescita, sono stati dei passi avanti quali, per citarne alcuni, un processo di caricamento più rapido, una maggiore durata dei video, il live streaming per i partner come, fra i più recenti, le nozze dei Reali d'Inghilterra e la Beatificazione di Giovanni Paolo II" oltre che "sempre più iniziative globali come la YouTube Symphony Orchestra, un successo anche nella seconda edizione, o Life in a Day, sempre più partnership con produttori di contenuti come quella con La7, sempre più interviste in live stream con i grandi della terra come quella del Presidente Obama o del Presidente Zapatero". Ecco perché Youtube è sempre più "l'evoluzione della televisione", e sempre meno il "Broadcast Yourself" visto che dello spirito del "yourself" (nel senso più genuino) c'è veramente rimasto poco, tanto che la "tagline" del marchio potrebbe tranquillamente fare a meno del "yourself" e rimanere solo con "broadcast" ("Youtube batte la TV: un miliardo di abbonati" http://is.gd/8ZNjuv). I numeri di 6 anni di attività di Youtube vengono sottolineati con un grafico diffuso da Google (http://is.gd/wrARld) e che svela la crescita del trend dell'"upload": 8 ore per minuto nel 2007, poi 13 per minuto nel 2008, poi 24 ore per minuto nel 2009, poi 35 ore per minuto nel 2010, sino al trionfale dato di 48 ore di upload video per minuto del 2011. E già Mountain View si chiede, contemplando dall'alto il panorama: "Quando raggiungeremo quota 72 ore di video al minuto o 4 miliardi di visualizzazioni al giorno?"

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: