le notizie che fanno testo, dal 2010

Yasser Arafat: 83% che sia stato avvelenato da polonio radioattivo

La morte di Yasser Arafat, ex presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese (ANP), presenta l'83% di possibilità che sia stata causata da avvelenamento da polonio radioattivo, come da rapporto del laboratorio di Losanna (Svizzera).

La tv araba Al Jazeera annuncia, citando il rapporto del laboratorio di Losanna (Svizzera) che ha svolto gli esami sul corpo riesumato di Yasser Arafat, che la morte dell'ex leader palestinese è altamente probabile che sia stata causata da avvelenamento da polonio radioattivo. I test effettuati, infatti, avrebbero riscontrato livelli di polonio 18 volte superiori alla norma, soprattutto "nelle costole e nel bacino" tanto che nel rapporto i medici avrebbero evidenziato che esiste "un 83% di probabilità che sia stato avvelenato". "Riveliamo un vero crimine, un assassinio politico" commenta la notizia Suha Arafat, la vedova dell'ex presidente dell'Autorità Nazionale Palestinese (ANP). Nell'agosto del 2012, la Francia ha aperto una inchiesta sulla morte di Yasser Arafat, visto che l'ex leader palestinese è morto in un ospedale di Parigi, in cui era stato trasferito dal quartier generale di Ramallah in Cisgiordania dopo che le sue condizioni di salute si erano improvvisamente peggiorate.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: