le notizie che fanno testo, dal 2010

Arafat: Francia smentisce Svizzera, non fu avvelenato da Polonio 210

Il rapporto francese che ha indagato sulle cause della morte di Yasser Arafat smentirebbe i risultati dei tossicologi svizzeri. Per i francesi, infatti, Arafat sarebbe morto per cause naturali e non per avvenenamento da polonio radioattivo..

Yasser Arafat sarebbe morto per cause naturali e non a causa di un avvelenamento da polonio 210, come lasciavano intendere i risultati degli esami effettuati dal laboratorio di Losanna (Svizzera). A sostenerlo, stando alle prime indiscrezioni, sarebbero i i tossicologi francesi, che hanno effettuato parallelamente ai colleghi svizzeri e russi i test sulla salma l'ex presidente dell'Olp (Organizzazione per la Liberazione della Palestina). Mentre si attendono ancora i dati e l'opinione degli scienziati russi, quelli francesi negano l'eventualità di un avvelenamento da polonio radioattivo. Israele, naturalmente, non si dice affatto "sopresa" dei risultati di questa indagine, anche perché ha da sempre respinto le accuse dell'Anp, convinta di un coinvolgimento israeliano nella morte di Yasser Arafat. Dal canto suo, l'Autorità Nazionale Palestinese prende tempo, sottolineando che prima di commentare ogni notizia in merito deve attendere di leggere il rapporto dei tossicologi francesi. Dubbioso anche il nipote dell'ex capo della Anp, Nasser al-Qudwa, che spiega: "In linea di principio, qualunque nuova informazione sulla morte di Yasser Arafat, specie se proveniente dalla Francia, deve avallare la prima relazione medica sul suo decesso nel 2004".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: