le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: trovato iPod e Sim cellulare. Forse lì da 3 mesi

Vicino al corpo di Yara Gambirasio sono state trovate anche la Sim, la batteria del cellulare e il suo iPod. Cominciano a sorgere i primi dubbi sul fatto che il cadavere della 13enne possa essere stato in quel campo per tutti questi mesi.

Il corpo senza vita di Yara Gambirasio è stato ritrovato a una decina di chilometri da dove abitava, dalla sua casa di Brembate di Sopra. Sarà probabilmente l'autopsia in programma per domani a stabilire se il cadavere della 13enne, che sognava di diventare una ginnasta, è rimasto in quel campo di Chignolo d'Isola per tutto questo tempo o se sia stato invece trasportato solamente ieri, a 3 mesi esatti dalla scomparsa. In molti forse preferirebbero pensare che il corpicino di Yara Gambirasio sia stato gettato da quella macchina in corsa che un uomo dice di aver avvistato, perché a soli 10 metri dal luogo del ritrovamento era situato il centro di cordinamento delle ricerche per Yara. Il cadavere era supino in una zona con l'erba alta, da quanto si apprende, ma in tanti si chiedono se ciò possa bastare per non far notare in questi mesi neanche un particolare utile al ritrovamento (ricordiamo avvenuto quasi per caso), visto che decine di megliaia di persone, tra volontari e non, hanno setacciato quelle zone per settimane e settimane. Ma a far sospettare, in queste ultime ore, che il cadavere, ormai in stato di decomposizione, sia sempre rimasto in quel campo il fatto che nei pressi sia stato trovato anche l'iPod, la Sim e la batteria del cellulare della ragazzina. Sul corpo, da quanto riportano le cronache, anche diverse lesioni, che sembrano di arma da taglio, anche se solo l'autopsia potrà stabilire con certezza come Yara Gambirasio sia morta, nella speranza che possa svelare anche qualche indizio su chi possa aver compiuto un così terribile gesto che ha scioccato non solo il piccolo paese di Brembate ma tutta l'Italia.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: