le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: taglio alla gola recide trachea ma troppo poco sangue

Si affacciano nuove ipotesi sulla morte di Yara Gambirasio. Qualcuno ipotizza lo strangolamento mentre per altri sarebbe il taglio alla gola, che avrebbe reciso la trachea, ad aver provocato il decesso. Ma l'esame autoptico non è ancora concluso.

Bisognerà attendere al massimo il 27 maggio, termine ultimo per l'anatomopatologa Cristina Cattaneo per completare la sua relazione sull'autopsia, per capire effettivemente come è morta Yara Gambirasio. In queste ultime ore, infatti, si sono affacciate altre ipotesi sulle cause del decesso, anche se finora niente è stato ancora confermato dagli inquirenti. Il settimanale "Oggi" rivela che, stando alle sue fonti, Yara Gambirasio sarebbe morta strangolata, soffocata da due mani che le avrebbero tolto prima il respiro e poi la vita, anche se gli inquirenti avrebbero sottolineato che "segni di digitopressione sul collo di Yara non sono stati evidenziati, anche perché, a causa del tempo trascorso, risultano assenti gli strati superficiali dell'epidermide". Prima di essere uccisa, però, Yara sarebbe stata "massacrata a pugni come dimostrano due vistose ecchimosi sotto gli occhi e un colpo tremendo alla tempia sinistra", sempre secondo il settimanale in edicola da oggi. I tagli inferti sul corpo, invece, sarebbero stati fatti solo successivamente alla morte, visto che dalle farite non sarebbe fuoriuscito sangue. L'Eco di Bergamo, però, sembra avanzare un'altra ipotesi: l'assassino (o gli assassini) avrebbero con un taglio netto alla gola reciso la trachea della bambina, forse provovandole una crisi respiratoria. Una teoria che però andrebbe a cozzare con il fatto che la scientifica non avrebbe trovato sangue sui vestiti di Yara. Il taglio alla gola, quindi, potrebbe essere stato anche fatto solo dopo la morte, come gli altri sulla schiena, i polsi e pare anche le gambe. Quel che sembra certo, comunque, è che chiunque abbia ucciso Yara Gambirasio sembra averlo fatto inferendo su di lei e sul suo corpo in diversi modi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: