le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: si cerca cadavere nel cantiere con georadar

I carabinieri del Ros hanno utilizzato un georadar per appurare se per caso possa essere stato occultato il cadavere di Yara Gambirasio sotto il cantiere del centro commerciale di Mapello, anche se non vi sono indizi finora sul fatto che la 13enne sia stata uccisa.

I carabinieri non escludono nessuna pista in merito alla scomparsa di Yara Gambirasio, avvenuta lo scorso 26 novembre da Brembate di Sopra (Bergamo) tra le 18.00 e le 19.00, dopo essersi allontanata dal Palazzetto dello sport dove la ginnasta si allenava.
Gli inquirenti stanno esaminando le circa 15mila telefonate fatte tra Brembate, Mapello e Ponte San Pietro il 26 novembre, mentre è al vaglio anche la pista riconducibile a qualche tipo di risentimento nei confronti del padre, che lavora nel mondo delle costruzioni, anche se Fulvio Gambirasio è da tutti descritto come un uomo "senza nemici" e "ligio alle regole".
Intanto ieri i carabinieri del Ros hanno scandagliato nuovamente il cantiere del centro commerciale di Mapello, quello indicato dai cani molecolari e dove lavora Mohamed Fikri, l'operaio marocchino fermato nei giorni scorsi ma rilasciato per insufficienza di prove.
Questa volta i carabinieri hanno utilizzato un georadar, che permette di rintracciare attraverso un sistema di onde che rimbalzano un oggetto seppellito sotto il cemento fino a 12 metri di profondità. Il macchinario dei Ros di Roma può trasmettere le immagini anche in 3 dimensioni, e quello che si vuole appurare è se per caso sotto il cantiere ci possa essere il cadavere di Yara Gambirasio, sempre che sia stata uccisa e finora non vi sono prove in tal senso.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: