le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio e la pista degli amici. Non solo DNA ma anche movente

Tra 6 mesi l'indagine sull'omicidio di Yara Gambirasio sarà chiusa. E mentre la scientifica analizza migliaia di DNA, gli investigatori tornano a setacciare la pista del possibile movente, tra gli amici.

Tra 6 mesi l'indagine sull'omicidio di Yara Gambirasio verrà chiusa. Sta per terminare il limite massimo di due anni per una inchiesta di omicidio, e finora, a parte il campionamento di migliaia di DNA prelevati nella zona intorno a Brembate di Sopra (cittadina dove è stata rapita Yara Gambirasio il 26 ottobre del 2010, per poi essere uccisa), gli investigatori e la Procura non sembrano essere arrivati a nessun elemento utile per trovare il colpevole.
Le ultime indiscrezioni parlavano della ricerca della madre del possibile assassino di Yara Gambirasio , perché l'individuazione del padre non basterebbe. E' così si è ipotizzato che il padre, morto nel 1999, del presunto assassino abbia avuto una relazione extraconiugale, e che non abbia mai conosciuto il figlio illegittimo.
Una storia quasi da telenovela, quella riguardo la ricerca dell'omicida di Yara Gambirasio, e che oggi si apre di un nuovo capitolo. Mentre da una parte i Ris stanno continuando a setacciare i DNA di uomini e donne nel bergamasco, gli investigatori tentano di arrivare ad una soluzione cercando, ad un anno e mezzo dalla morte di Yara Gambirasio, una pista tra le conoscenze della ragazzina.
In questi giorni, infatti, oltre ad essere risentiti i familiari di Yara Gambirasio, sono stati nuovamente ascoltati diversi amici di Yara e della sorella maggiore Keba, che ha 17 anni.
L'idea sembra chiara: forse Yara si potrebbe essere allontanata con un amico o un gruppo di amici.
Una ipotesi d'altronde forse più plausibile di uomini che sfrecciano con un furgoncino bianco e che fa tornare alla mente la lettera di un uomo che racconta di aver visto quel 26 ottobre del 2010 alle "19 in punto" 3 ragazzini nel campo di Chignolo d'Isola, dove il 26 febbraio è stato poi ritrovato il cadavere di Yara Gambirasio.
Tutte piste che non è chiaro quanto siano state approfondite, mentre l'attenzione si concentrava sul DNA dell'assassino. Ora sembra che si ricominci, invece, dalla ricerca del movente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: