le notizie che fanno testo, dal 2010

Yara Gambirasio: dopo 50 giorni silenzio stampa

I genitori di Yara Gambirasio chiedono "l'assoluto silenzio stampa" e un po' di rispetto sulla vicenda della 13enne scomparsa, perché né loro né gli inquirenti hanno bisogno delle ipotesi investigative fornite dalla televisione se non supportate dalla certezza delle fonti.

I genitori di Yara Gambirasio, sempre molto discreti tanto che anche il giorno del loro appello ai presunti rapitori della figlia si erano dimostrati schivi e imbarazzati, hanno espresso il desiderio che la stampa, ma forse soprattutto i media televisivi (compresi quei format che "sono sotto testata gionalistica" come qualcuno ama ripetere e quelle trasmissioni che hanno una rubrica fissa su Yara e Sarah Scazzi) spengano i riflettori sul caso della 13enne scomparsa da Brembate di Sopra il 26 novembre scorso. "Vista la situazione venutasi a creare dopo i comunicati (servizi giornalistici, ndr) non corrispondenti alla verità e al coinvolgimento di persone che nulla hanno a che vedere con il grave fatto accaduto, la famiglia Gambirasio chiede l'assoluto silenzio stampa per dar modo agli inquirenti e alle forze dell'ordine di svolgere l'attività investigativa con maggior serenità e tranquillità" legge il sindaco del paese che invita tutti gli organi d'informazione ad "abbandonare il suolo pubblico occupato e la cessazione delle attività finora svolte sul territorio di Brembate Sopra".
"Certi della vostra professionalità - conclude il sindaco rivolgendosi ai giornalisti - confidiamo nella comprensione di suddetta richiesta". La richiesta dei genitori di Yara Gambirasio probabilmente nasce dal fatto che spesso venivano evidenziati fatti non solo non corrispondenti al vero ma anche riportati senza alcun tipo di rispetto e certezza delle fonti. I familiari di Yara Gambirasio, quindi, come tutta la comunità di Brembate di Sopra, sottolineano che non hanno bisogno delle ipotesi investigative fornite dalla televisione.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: